CONDIVIDI

Londra: pedofilo italiano abusa di due sorelline, arrestato dopo 50 anni

Trasferitosi a Londra per cercare lavoro, per quattro anni ha abusato di due bambine che lo hanno denunciato solo in questi giorni. Arrestato pedofilo ad 81 anni.

Per anni le due bambine, divenute adulte, hanno mantenuto il silenzio sulle attenzioni non gradite dell’italiano che i genitori avevano ospitato in casa, ma il ricordo di quei baci, quelle carezze e delle foto hard da lui scattate era ingombrante, impossibile da cancellare. Così si sono fatte forza ed hanno denunciato l’orco italiano 50 anni dopo i fatti. L’uomo ormai 81enne è stato arrestato nel paesino di Mignano Montelungo dai Carabinieri e si trova al momento nel carcere di Cassino, dove attende di essere estradato a Londra per essere sottoposto a processo. Gli abusi sulle bambine hanno avuto luogo dal 1970 al 1974, all’epoca dei fatti le due bambine avevano rispettivamente 11 e 14 anni.

Londra: italiano in cerca di lavoro abusa di due bambine

Quando l’accusato si è trasferito a Londra nel 1970 aveva 33 anni ed era in cerca di lavoro. Appena arrivato nella capitale britannica ha scelto il quartiere di Fulham, dove una coppia di giovani inglesi con due figlie piccole affittava una stanza ad un prezzo conveniente. Secondo quanto anticipato da ‘Il Resto del Carlino‘, l’uomo approfittava dell’assenza dei genitori per riservare alle bambine delle attenzioni indesiderate dando loro baci, carezze e facendole spogliare per scattare delle foto hard che poi probabilmente vendeva. Non è chiaro, invece, se questo abbia fatto loro anche dell’altro, ma solo che quell’incubo è durato 4 anni, il tempo che questo ha cambiato casa.

Quando l’uomo 16 anni fa era andato in pensione ed era di conseguenza tornato in Italia forse aveva pensato di farla franca, ma le due bambine, ormai adulte, non riuscivano a convivere con quello spregevole ricordo: “Non riuscivamo a separarci da quella storia perché la ricordavamo sempre, anche a distanza di così tanto tempo. È stato per noi un inferno”, hanno dichiarato alla polizia. Adesso l’uomo sarà costretto ad affrontare un processo ed una probabile condanna.