CONDIVIDI
Francavilla, Ludovica la bimba gettata nel vuoto dal padre aveva solo 10 anni
(Websource/Archivio)

Francavilla: si investiga ancora sulla tragedia che ha portato alla morte di Ludovica, una bambina di soli 10 anni, ed al suicidio del padre Fausto Filippone.

Un urlo disperato di scuse per aver gettato dal viadotto nei pressi di Francavilla a Mare la figlia Ludovica di soli 10 anni, quindi il salto nel vuoto che ne ha decretato la morte. Se n’è andato in questo modo Fausto Filippone dopo ore di agonia e tentennamenti dal bordo del tratto autostradale dal quale si è lanciato. Secondo quanto ricostruito dalla polizia in queste ore, l’uomo si è recato in quel punto dell’autostrada oltrepassando un varco di cui, evidentemente conosceva l’esistenza, trascinando la piccola Ludovica e lasciandola cadere da oltre 30 metri (la bambina secondo gli investigatori è morta sul colpo).

L’intento, probabilmente, era quello di lanciarsi subito dopo nel vuoto, ma qualcosa lo ha bloccato per ore in bilico sul viadotto. L’uomo era sconvolto per aver ucciso la figlia e nel corso di un intero pomeriggio ha chiesto notizie della moglie, Marina Angrilli, caduta dal balcone di casa nella mattinata (si pensa possa essere stato lui a spingerla). La polizia ha cercato di tentennare dicendogli che la donna era ancora in vita (in verità era morta nel pomeriggio in ospedale) ma questo non è bastato a farlo desistere, troppo era il dolore per gli orribili atti commessi, troppo il senso di colpa per vivere con quel rimorso.

Francavilla: il cordoglio della Brioni dopo la tragedia della famiglia Filippone

Fausto Filippone era un impiegato modello che in questi anni aveva scalato le gerarchie dell’azienda di abbigliamento ‘Brioni’ con il duro lavoro. Il tragico gesto di ieri che ha portato alla fine della sua vita e di quella di Ludovica (la figlia di 10 anni) ha sconvolto tutta la comunità, compresi i vertici dell’azienda per la quale lavorava che in una nota ha espresso il proprio cordoglio per la famiglia delle vittime: “Brioni, appresa la tragica notizia, si stringe sconcertata con tutti i suoi collaboratori alla famiglia di Fausto Filippone. Da anni impiegato nell’azienda, Filippone è stato protagonista di un percorso di crescita professionale continuo, conquistando la stima e l’affetto di dirigenti e collaboratori. Il suo lavoro, svolto sempre con grande professionalità, ne aveva determinato recenti positivi sviluppi di carriera. Di fronte a tale tragedia, l’azienda e i suoi dipendenti si chiudono in un rispettoso silenzio”.