CONDIVIDI
elezioni regionali valle aosta
(MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Elezioni regionali Valle d’Aosta, in corso lo scrutinio: bene la Lega, male M5S e centrodestra, ma manca una maggioranza per governare.

Una situazione estremamente frammentata: questo il quadro che emerge dalle elezioni regionali in Valle d’Aosta, un voto che è sicuramente locale, ma che dà diversi spunti di riflessione se paragonato a quello che è stato il risultato elettorale delle politiche, dove nel collegio uninominale della Valle d’Aosta alla Camera era stata eletta Elisa Tripodi del Movimento 5 Stelle, mentre al Senato Albert Lanièce ce l’aveva fatta soltanto perché sostenuto da varie liste.

Leggi anche –> Nuovo governo, Berlusconi: “Faremo opposizione costruttiva, confidiamo in Salvini”

Elezioni regionali Valle d’Aosta: lo scrutinio dei voti

Stando ai risultati ufficiosi, l’Union Valdotaine si conferma in testa, ma resta sotto il 20% e conferma tutte le difficoltà già dimostrate nelle più recenti consultazioni. Secondo partito è la Lega col 17%: la formazione guidata da Salvini torna dunque in consiglio regionale dopo vent’anni e conferma il trend positivo dopo il voto del 4 marzo, quando in Valle d’Aosta raggiunse il 17,5%. Bene l’Uvp, che va oltre il 10% e potrebbbe diventare terza forza, mentre per la quarta posizione se la giocano Movimento 5 Stelle e Stella Alpina. Se i secondi possono dirsi soddisfatti del risultati, altrettanto non possono fare i pentastellati, che passano dal 24,1% raccolto alle politiche a un più modesto 10,7%.

Bene vanno ALPE e MOUV’, oltre che Impegno Civico, mentre i partiti tradizionali naufragano: il Pd non arriva al 6%, anzi raccoglie il 5,6%, e – nonostante l’impegno diretto di Silvio Berlusconi – il centrodestra valdostano supera appena il 3%, un bottino davvero magro se si pensa che comunque a marzo aveva superato l’8%. Si tratta di dati parziali che tengono conto di circa i due terzi dei voti scrutinati, ma che confermano comunque un trend. In calo rispetto a due mesi e mezzo fa l’affluenza: alle politiche aveva infatti votato il 72% degli aventi diritto, stavolta appena il 65%.

Elezioni regionali Valle d’Aosta: le reazioni politiche

Non si sono intanto fatte attendere le reazioni politiche al voto valdostano: “Stiamo volando”, fanno sapere dalla Lega, sottolineando che anche a livello locale si cercherà l’intesa col Movimento 5 Stelle. In ogni caso, l’ufficio elettorale regionale della Valle d’Aosta, in una nota, invita alla calma e precisa che “al momento le operazioni di scrutinio sono ancora in corso e non hanno restituito alcun dato definitivo. I dati saranno resi noti sul sito web della Regione man mano che confluiranno all’ufficio elettorale regionale”.

Intanto, il presidente dell’Union Valdotaine Ennio Pastoret spiega che sarà difficile formare una maggioranza: “Con un quadro politico così frammentato evidentemente ci saranno delle difficoltà da un lato a ricomporre una maggioranza e dell’altro punto di vista ci sarà la necessità da parte delle forze politiche di mettere sul tavolo dei punti programmatici che possano consentire alla legislatura di avviarsi e di condursi nell’arco dei 5 anni”.

A cura di Gabriele Mastroleo