CONDIVIDI
cuba aereo
(Jorge Rey/Getty Images)

Cuba, aereo si schianta dopo il decollo dall’aeroporto di L’Avana: ci sarebbero vittime, intanto si prova a fare la ricostruzione dell’accaduto.

I media di stato cubani riferiscono che c’erano 104 persone a bordo di un aereo che si è schiantato poco dopo il decollo all’aeroporto dell’Avana. L’aereo Boeing 737 si stava dirigendo verso la città cubana di Holguin. Ancora non si ha la certezza di vittime, ma la probabilità è molto alta. Non è nemmeno chiaro cosa sia accaduto. Sulle cause, indagheranno ora le autorità dell’isola.

Leggi anche –> Volo MH 370, pilota in missione suicida, fece cadere lʼaereo

Aereo caduto a Cuba: cosa è accaduto

Un’enorme palla di fuoco è stata avvistata dopo che un aereo di linea cubano si è schiantato durante il decollo all’aeroporto José Martí di L’Avana oggi. I rapporti indicano anche che c’è una fitta nube di fumo visibile in tutto l’aeroporto. I vigili del fuoco, da quanto si apprende, cercano di tenere sotto controllo l‘incendio e una presenza massiccia di polizia è ora presente all’aeroporto.

Nelle ultime settimane Cubana de Avicion, la compagnia nazionale cubana, ha dovuto smantellare una parte della loro flotta obsoleta perché ha affermato che c’erano problemi di sicurezza, tuttavia la causa di questo incidente non è nota. Una fonte dell’aeroporto ha riferito a Patrick Oppmann, inviato della CNN, che ci sono vittime. Il numero di queste, tuttavia, non è chiaro. La CNN aveva precedentemente riferito che l’aereo stava viaggiando in Guyana. Si è poi appreso che l’aereo era destinato a una località all’interno della stessa isola di Cuba.

La televisione di stato e i siti web hanno detto che l’aereo era diretto nella città orientale di Holguin e si è schiantato tra l’aeroporto dell’Avana meridionale e la vicina città di Santiago de las Vegas. Anche l’informazione locale ribadisce il fatto che l’aereo è stato noleggiato da Cubana, che negli ultimi mesi ha messo fuori uso molti dei suoi vecchi aerei a causa di problemi meccanici.

A cura di Gabriele Mastroleo