CONDIVIDI

Bocci

Fan in apprensione per le condizioni di Marco Bocci, ricoverato in ospedale per degli accertamenti. Nulla si sa di quanto accaduto, almeno non nel dettaglio, ma intanto sul web viene pubblicato uno splendido scatto: l’abbraccio tra Bocci e l’amico Francesco Arca.

La scorsa settimana si è diffusa la notizia del ricovero lampo di Marco Bocci. Il noto attore romano, protagonista nella commissione esterna di Amici di Maria De Filippi, ha dovuto sottoporsi a degli accertamenti presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Sempre presente al suo fianco Laura Chiatti, sua moglie, dalla quale ha avuto due splendidi figli: Enea e Pablo. I fan sono a caccia di aggiornamenti ed eccone uno, che non riguarda però le sue condizioni di salute. A far visita a Bocci è giunto Francesco Arca.

Marco Bocci, l’abbraccio di Francesco Arca

Arca è giunto in ospedale insieme a sua moglie, Irene Capuano, e ai figli Maria Sole e Brando Maria. Sui social è stato subito immortalato il momento dell’abbraccio caloroso tra i due, con il seguente post ad accompagnare: “Gli abbracci, quelli veri. Quelli che scaldano. Ad maiora semper”.

Il post è stato pubblicato da Laura Chiatti, e ha ottenuto più di 13mila mi piace. Una dimostrazione ulteriore, qualora ce ne fosse stato bisogno, del grande affetto che i fan nutrono per Marco Bocci.

Si attende ora di capire quali siano le reali condizioni dell’attore romano. Al momento la famiglia fa cerchio attorno a lui e preferisce mantenere il giusto riserbo. La privacy in casi del genere è fondamentale, evitando che sul web si possa ricamare su mezze informazioni lasciate circolare.

Staff medico, amici e parenti stanno svolgendo un ottimo lavoro in tal senso, con qualche piccola eccezione controllata. Lo stesso Bocci ha infatti voluto rassicurare i tanti che lo seguono con affetto: “Ragazzi, è tutto ok. Per qualche giorno starò in ospedale, per dei controlli, ma tutto bene. Tranquilli”. A seguire anche la moglie Laura Chiatti ha voluto commentare: “Presto tornerà alla grande”.