CONDIVIDI

bambino india

Orrore in India: un bambino di 3 anni sfugge dalle braccia della mamma e fa un volo di 3 piani. Il video shock

Una scena davvero terrificante, quella a cui hanno assistito gli avventori di un centro commerciale a Sri Ganganagar, nel nord-ovest dell’India. Un bambino di 3 anni è caduto per 3 piani da una scala mobile dopo essere scivolato dalla presa della madre. Il piccolo era insieme ai suoi genitori al centro, quando improvvisamente è sfuggito alla mamma, che lo teneva in braccio, e ha fatto un volo di 3 piani cadendo dalla scala mobile. Per lui purtroppo non c’è stato niente da fare: ricoverato in ospedale in condizioni disperate, il bimbo è morto poco dopo. Shock fra i presenti nel centro commerciale, che in quel momento era affollatissimo. Adesso la situazione è sotto investigazione della Polizia, che sta ascoltando alcune testimonianze anche piuttosto cruente, che potrebbero evidenziare anche responsabilità dirette dei genitori del bambino di 3 anni morto dopo essere caduto dalla scala mobile. Un ruolo importante lo giocherà anche il video shock della sorveglianza del centro commerciale, al momento sotto esame. Si cerca di capire cosa stesse facendo la coppia al momento della caduta.

Il bambino di 3 anni caduto dalla scala mobile: le indagini e il video shock

Il video shock del bambino di 3 anni che scivola alla madre e cade dalla scala mobile potrebbe chiarire meglio la dinamica dei fatti. Anche perché ciò che emerge da alcune testimonianze inchioderebbe i genitori del piccolo alle loro responsabilità. Alcuni testimoni, infatti, avrebbero dichiarato che mentre salivano la scala mobile i due si stavano facendo dei selfie, e sarebbe stato proprio il tentativo di scattarsi la foto col cellulare a far perdere il controllo del bambino alla donna. Il ‘Mirror’ è venuto in possesso di queste immagini e le ha proposte ai propri lettori. Nel video shock si vede il momento in cui la donna, con in braccio il bambino, sta salendo la scala, e si vede il momento in cui il piccolo le sfugge dalle braccia. Il momento successivo non è trasmesso per la crudezza delle immagini, si vede soltanto il momento in cui i genitori, disperati, corrono giù a soccorrere il piccolo. Ma purtroppo era troppo tardi.