CONDIVIDI

Flat Tax al 15%, cos'è e come funzionaTra le proposte del governo Lega-M5S c’è anche la Flat Tax al 15% annuo, scopriamo di cosa si tratta e come funziona.

Uno dei principali cavalli di battaglia della campagna elettorale della Lega è stata sicuramente la Flat Tax che comporta un 15% fisso nella tassazione annua al posto di quella attuale che prevede aliquote dal 23 al 43% e aumenta in base al reddito annuo. La riforma sulle tasse è stato uno dei punti sul quale Salvini e Di Maio hanno trovato un accordo per il contratto governativo che presto porterà ad un governo formato da Lega e 5Stelle. Un simile provvedimento porterebbe un alleggerimento notevole della pressione fiscale sulle famiglie, facendo aumentare al contempo il prodotto interno lordo in modo significativo. A questo corrisponde però un minore ingresso di fondi al governo (tramite tasse) che ancora non è chiaro come e se le due forze politiche vogliono integrare. La riforma, almeno in questa versione preliminare, prevede anche 3 correttivi che di seguito vi spiegheremo.

Flat Tax al 15%, come funziona

I tre correttivi a cui facevamo riferimento prima sono i seguenti: Il primo riguarda la no tax area che in base alla proposta si dovrebbe attestare intorno ai 7 mila euro lordi annui, il secondo riguarda la deduzione fissa di 3 mila euro per i redditi familiari che arrivano ad un massimo di 35 mila euro e il terzo invece la rete di sicurezza per le famiglie la cui tassazione era inferiore prima della riforma. Il primo correttivo è sfavorevole per coloro i quali hanno un reddito base basso, la tassazione attuale infatti prevede la no tax area poco sopra gli 8 mila euro annui. Il secondo correttivo, invece, permette di detrarre dalla tassazione annua 3 mila euro per le famiglie senza figli a carico fino ai 35 mila euro di reddito e per quelle con figli a carico fino ai 50 mila euro, quindi decisamente favorevole. L’ultima misura riguarda quelle famiglie il cui reddito lordo non superi i 15 mila euro annui, in questo caso le famiglie possono rimanere al vecchio sistema di tassazione se la flat tax non è conveniente. Questa manovra comporterebbe una perdita di introiti per lo Stato pari a 63 miliardi di euro ed un aumento del PIL che ne farebbe recuperare 37, per una spesa totale di 26 miliardi.