CONDIVIDI
bus incendio piazza venezia
(twitter)

Ennesimo bus in fiamme per le strade di Roma. Panico a piazza Venezia

Continuano gli anomali incendi che colpiscono i bus a Roma. Dopo i due casi di martedì, anche oggi i vigili del fuoco sono intervenuti per un principio di incendio. Il fatto è avvenuto a piazza Venezia e ha coinvolto un bus dell’Atac, il 98 della linea 85. Secondo quanto riferito dai presenti, le fiamme sono state spente e non sono stati riscontrati problemi per i passeggeri. Il tutto è scaturito a causa di un’avaria al motore che ha fatto immediatamente scattare il sistema antincendio sul bus. In quel momento in mezzo si trovava all’altezza del Vittoriano. Il conducente ha fermato il mezzo e ha fatto scendere i circa 100 passeggeri a bordo, tra cui molti turisti. A transitare in quel momento una pattuglia dei carabinieri del comando piazza Venezia che si è fermata a prestare assistenza ai passeggeri e all’autista. La flotta Atac, la più vecchia d’Europa, ha una vita media delle vetture di circa 13 anni.

Roma bus a fuoco, le cause dell’incendio

Tra le cause che scatenano gli incendi sui mezzi, come quelli avvenuti in questi giorni per le strade di Roma, anche l’assenza e l’inadeguatezza dei pezzi di ricambio. Dall’inizio del 2018 sono andati a fuoco 10 bus, 22 nel 2017, 14 nel 2016. Queste le parole del sindaco Virginia Raggi, intervenuta sull’argomento qualche giorno fa: “Il parco mezzi Atac è estremamente vecchio. L’autobus che è andato a fuoco questa mattina in via del Tritone aveva 15 anni. Quello che abbiamo fatto dall’inizio è stato mettere in strada oltre 200 autobus, che però non bastano. Quindi abbiamo stanziato 167 milioni di euro per acquistare 600 nuovi bus”. In questa occasione non si registrano danni, come invece è successo due giorni fa. Nel primo incendio riscontrato a Roma a via del Tritone, una donna è rimasta ustionata ed è stato danneggiato anche un negozio. Il secondo autobus invece era andato in fiamme in una zona periferica, in via di Castel Porziano, di fronte a una scuola.