CONDIVIDI

Coppa Italia, Allegri: "E' stimolante giocare la finale"

Parlando dalla conferenza stampa che precede la finale di Coppa Italia, Massimiliano Allegri analizza la stagione e la sua Juve evidenziandone i punti di forza.

In vista della finale di Coppa Italia di domani sera contro il Milan di Gattuso, il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri tira le somme di una stagione per certi versi deludente (vedi l’ennesima eliminazione dalla Champions League) ma che ha comunque portato alla vittoria dell’ennesimo scudetto ai danni di un Napoli che non si avvicina mai abbastanza per puntare con decisione alla vittoria del campionato (anche se manca l’aritmetica è praticamente cosa fatta). La sensazione, ancora una volta, è che la Juve sia la squadra da battere e che se tutti giocheranno al loro meglio il risultato di questa finale sia già segnato.

Tutto sulla finale di Coppa Italia –> Finale Coppa Italia, Juventus-Milan: probabili formazioni e come vederla in tv e streaming

Juventus-Milan, Allegri in conferenza stampa

L’allenatore della Juventus ha subito sedato gli animi sull’argomento scudetto, spostando l’attenzione della stampa ( e dei suoi giocatori) sulla partita di domani contro il Milan, una partita che vale la vittoria di un altro trofeo: “Non ha senso parlare di Scudetto, perché ci giochiamo la Coppa Italia. E’ importantissima”. A chi poi gli fa notare che gli avversari potrebbero essere più stanchi di loro per via di una rosa più corta il tecnico bianconero risponde: “Siamo stanchi noi come loro. La stanchezza sarebbe solo un alibi per gestire un post brutto risultato”.

Il messaggio di Allegri è chiaro, nessuna scusa se si perde è solo colpa della squadra. A conclusione dell’intervista il tecnico sottolinea l’importanza di giocare una finale di Coppa Italia, ricordando a tutti come pochi anni fa le squadre di Serie A la snobbassero, quindi sull’esito della gara aggiunge: “Per la storia che caratterizza le due squadre sarà una sfida complicata. Le partite con il Milan difficilmente finiscono al 90′ perchè al di la dei valori tecnici tutto si appiana. Anche domani credo che sarà così”.