CONDIVIDI
governo berlusconi salvini
(TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Nuovo governo, nuovo giro di consultazioni stamattina: Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, con tutto il centrodestra, si presentano insieme da Mattarella.

Alle dieci di questa mattina, è iniziato l’ultimo giro di consultazioni davanti al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che dovrà sciogliere i nodi e provare a dare l’incarico di governo o il mandato esplorativo in tempi rapidi. Sul tavolo, prima di quest’ultimo giro di consultazioni, restano la carta di un mandato a M5S e parte del centrodestra e quella di un esecutivo di larghe intese guidato da un tecnico. Tanti i veti incrociati in queste ultime settimane, che hanno riguardato in particolare il Movimento 5 Stelle. Proprio i pentastellati sono stati i primi a salire oggi al Quirinale, seguiti alle ore 11 dalla delegazione del centrodestra unito.

Leggi anche –> Luigi Di Maio a Mattarella: “Governo politico o voto”

Centrodestra unito da Mattarella

La delegazione del centrodestra, dopo il vertice di stamattina a Palazzo Grazioli, si è presentata unita da Mattarella quando erano da poco passate le undici. Folta la delegazione: Gian Marco Centinaio e Giancarlo Giorgetti, capigruppo leghisti a Camera e Senato, insieme a Matteo Salvini; Anna Maria Bernini e Mariastella Gelmini, insieme a Silvio Berlusconi per Forza Italia, e Stefano Bertacco e Fabio Rampelli, insieme a Giorgia Meloni per Fratelli d’Italia. Per primo, Fabio Rampelli è arrivato a piedi. I tre leader della coalizione, Salvini, Berlusconi e Meloni, sono arrivati a bordo ai auto. All’arrivo della delegazione del centrodestra, si è appresa l’intenzione della coalizione di chiedere al presidente della Repubblica il mandato per andare in Parlamento e verificare i numeri una maggioranza.

Intenzione confermata poi da Salvini: “Disponibile a fare un governo con il centrodestra unito e metterci al lavoro”, ha detto all’uscita dell’incontro con Mattarella. Queste le parole del leader della Lega, affiancato da Berlusconi e Meloni: “Confidiamo che il presidente della Repubblica ci dia modo di trovare una maggioranza, che contiamo di poter trovare mettendoci in campo personalmente perché stanti così le cose la nostra coalizione rappresenta l’ambizione e la speranza di 60 milioni italiani. Confidiamo di poterci mettere nelle prossime ore finalmente a lavoro”. Il Partito democratico salirà al Quirinale dopo mezzogiorno, quindi sarà la volta nel pomeriggio dei gruppi minori, quindi del Presidente della Camera, Luigi Di Maio, e di quello del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Leggi anche –> Matteo Salvini in diretta: “Governo per approvare priorità”

A cura di Gabriele Mastroleo