CONDIVIDI

Scossa di terremoto in Romagna di magnitudo 3.3: avvertita a Faenza e Imola, l’epicentro a 57 km da Bologna.

Torna la paura nel nostro Paese per una scossa di terremoto che è stata avvertita distintamente dalla popolazione. Il sisma alle 16.19 ora italiana a 4 km da Tredozio, in provincia di Forlì Cesena. La magnitudo è stata di 3.3, mentre l’ipocentro ad una profondità di 5 km. Le città più importanti più vicine all’epicentro sono Faenza a 29 km, Forlì a 33 km e Imola a 33 km. Mentre nelle Marche è ancora attiva la sequenza sismica, dunque, una nuova scossa spaventa l’Italia. Non si registrano danni a persone o cose, ma solo tanta paura per la popolazione che vive in quella zona. Sono diverse le scosse di questi giorni nel nostro Paese.

Per sapere tutto, leggi anche –>

Le reazioni social alla scossa in Romagna

Come ormai avviene sempre in questi casi, le prime testimonianze sull’accaduto arrivano dai commenti sui social network. “L’avete sentita?”, chiede un portale di informazione locale. Un utente ha commentato: “Qui si è sentita molto bene, per fortuna di breve durata”. Un altro rassicura: “Non è crollato niente, tutto bene”. Il sisma, molto superficiale, è stato avvertito da Forlì Firenze. 57 km è la distanza dall’epicentro di Bologna, capoluogo emiliano, da dove arrivano segnalazioni, così come ne arrivano dal capoluogo toscano. Preoccupato soprattutto chi occupa piani alti negli edifici.

Gli altri comuni più vicini all’epicentro sono Portico e San Benedetto a sette km e Premilcuore e Rocca San Casciano, che si trovano a 11 km. Popolazione della zona davvero molto preoccupata con molte telefonate che sono giunte ai vigili del fuoco. Secondo quanto testimoniato da chi è sul posto, alcune persone sono uscite di casa per la paura. Nel frattempo, c’è ancora paura nelle Marche a causa della sequenza sismica: anche tra ieri e oggi sono state decine le scosse, alcune delle quali di magnitudo superiore a tre con epicentro nei pressi di Pieve Torina. L’ultima scossa appena pochi minuti fa, alle 17.08, di magnitudo 2.8.

A cura di Gabriele Mastroleo