CONDIVIDI
Renzi Salvini
(Elisabetta Villa/Getty Images)

Renzi Salvini prove d’intesa. Renzi scrive a Salvini: “Facciamo un governo per le riforme”. E’ questa la mossa dell’ex presidente del Consiglio Renzi subito dopo aver chiuso le porte ad un’alleanza col Movimento Cinque Stelle di Di Maio. Durante la puntata di Che tempo che fa Renzi era stato molto chiaro e aveva definitivamente detto no ad un possibile governo con i 5 Stelle. Una decisione che ha fatto infuriare molti all’interno del Pd che preferivano aspettare la direzione prevista per giovedì per prendere una decisione collegiale all’interno del partito. Renzi ha poi scritto alcuni messaggi a Salvini invitandolo a fare insieme un governo per le riforme.

Renzi attacca Di Maio e i vertici del Pd

Renzi, dopo il risultato delle Elezioni Regionali in Friuli, è ancora più convinto di aver fatto bene a chiudere le porte ai 5 Stelle e a Di Maio col quale, ha detto, un’alleanza sarebbe stata impossibile. L’ex premier ha attaccato duramente non solo i pentastellati, ma anche i vertici del suo stesso partito che non hanno affatto gradito la sua uscita e il suo strappo che, sostengono Martina e soci, ha messo in difficoltà anche il Presidente Mattarella poiché ha dato un’accelerata all’ipotesi di ritorno al voto che il Quirinale non gradisce affatto.

Leggi anche –> Mattarella contro Di Maio, Salvini attende: ecco quando si torna al voto

Renzi scrive a Salvini, ipotesi governo per le riforme

Dopo l’uscita televisiva, Matteo Renzi ha scritto diversi messaggi a Matteo Salvini caldeggiando l’ipotesi di un governo di scopo per fare le riforme. In primis ovviamente quella elettorale. I due leader si scrivono e non a caso Renzi durante l’ospitata da Fazio si è guardato bene dall’attaccare Salvini, ma ha riservato tutte le sue bordate a Di Maio e ai Cinque Stelle. Un chiaro segnale di quale sia il suo intento e del fatto che l’ex premier si sia nuovamente voluto prendere il centro della scena politica o per lo meno quella del suo partito del quale per qualche tempo aveva perso la leadership.

A cura di Francesco Baglio