CONDIVIDI

Alfie evans cittadino italiano

Alfie Evans, l’appello del padre: si continua a parlare di una storia che sta sconvolgendo il mondo e cioè quella che riguarda il bimbo di Liverpool affetto da una malattia neurovegetativa e staccato dai macchinari a causa di una sentenza che coinvolge lo Stato britannico. Il bimbo doveva essere trasferito in Italia dopo aver ottenuto la cittadinanza da parte del nostro paese, decisione respinta però dalle autorità locali.

L’appello del padre di Alfie Evans

Il padre di Alfie Evans ora vorrebbe portare il bambino a casa, Tom Evans avrebbe sottolineato a Sky News la volontà di portare il bambino a casa visto che non ha più bisogno di rimanere in terapia intensiva dopo che gli hanno staccato le macchine di ventilazione che gli permettevano di rimanere in vita. Staremo a vedere se riuscirà ad ottenere almeno questo piccolo passo verso la libertà.

Intanto lancia l’appello al Papa, sottolineando a Tv2000: “Chiedo a Papa Francesco di venire qui per capire cosa sta accadendo. Deve venire a vedere come mio figlio sia ostaggio di questo ospedale. E’ ingiusto quello che stiamo subendo. Grazie Italia per quello che avete fatto per noi. Vi amiamo. Alfie Evans è una parte della famiglia italiana, noi apparteniamo all’Italia“.

Al momento Alfie Evans rimane ricoverato all’Alder Hey Hospital di Liverpool. Respira senza l’aiuto della ventilazione e ieri è stato respinto il ricorso per portarlo all’Ospedale Bambino Gesù di Roma dove si voleva tentare un estremo rimedio per cercare di trovare un rimedio alle difficoltà della sua giovanissima vita. Cosa accadrà ora?