CONDIVIDI
Ancelotti allenatore della Nazionale
(Robert Hradil/Getty Images)

Ancelotti allenatore della Nazionale di calcio italiana, vicino l’accordo con Costacurta per il prossimo C.t.

Come si dice in questi casi siamo arrivati ai dettagli, ma sembra proprio non ci siano più dubbi che il prossimo commissario tecnico della Nazionale italiana di calcio sarà Carlo Ancelotti. Lo scoglio più grande, come era immaginabile, è quello economico dato che l’ex allenatore del Milan percepirebbe molto meno di quanto guadagna ora dal Bayern Monaco nonostante l’esonero.

Ancelotti-Italia, Costacurta convince il suo ex allenatore

Alessandro Costacurta e Carlo Ancelotti si sono incontrati all’Hotel Parco dei Principi di Roma alla presenza anche del Commissario Roberto Fabbricini. Una circostanza quest’ultima che ha fatto capire bene quanto si sia ormai vicini all’accordo che vede Carlo Ancelotti come futuro allenatore della nazionale di calcio italiana. Anche perché il tempo stringe e lo stesso Costacurta aveva dato come deadline per il nuovo C.t. il 20 maggio. Il colloquio con Ancelotti è durato quasi due ore e per convincere l’allenatore gli sono state date garanzie soprattutto sullo staff. Ancelotti potrà portare con sè suo figlio Davide che ha iniziato come preparatore, ma che al Bayern era di fatto il vice allenatore. A proposito di staff si parla anche dell’inserimento di qualche nome di grande ex giocatore come Pirlo, Buffon, Maldini o Ambrosini. Dal punto di vista economico la Federazione non può spingersi molto oltre dato che c’è un tetto di 5 milioni netti all’anno per allenatore e staff completo.

Ancelotti, come sarà la sua Italia

E’ ancora presto, ma molti già si chiedono come sarà l’Italia di Carlo Ancelotti. Sicuramente come alcuni suoi predecessori (Lippi e Conte su tutti) Ancelotti tenterà di creare un gruppo coeso che trasformi l’Italia non in una selezione di giocatori, ma in una vera e propria squadra. Tra i moduli potrebbe scegliere tra 4-3-3 e 4-2-3-1, difficilmente vedremo altre soluzioni viste per esempio con Ventura. La vecchia guardia sta pian piano lasciando il passo e gli uomini su cui puntare sono giovani che ancora devono dimostrare tutto il loro valore. Parliamo di Donnarumma, Rugani, Caldara, Spinazzola, Conti, Pellegrini, Barella, Chiesa, Bernardeschi, Cutrone. Poi ci sono quelli che in Nazionale hanno già giocato, ma che ancora devono dimostrare di essere dei campioni. Uno su tutti: Marco Verratti. Ancelotti lo ha allenato al Psg e potrebbe essere l’uomo giusto per rilanciarlo anche con la maglia azzurra.

A cura di Francesco Baglio