CONDIVIDI
Liverpool Roma Salah
(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Liverpool-Roma: probabili formazioni. Salah, Totti e la rivincita del 1984. Tutto quello che dovete sapere sulla partita di Champions League di domani martedì 24 aprile 2018. 

Liverpool-Roma non è solo la semifinale della Champions League 2018, non è solo una grande partita tra due squadre molto forti, Liverpool-Roma è molto di più. E’ una storia che risale al 1984 quando in una sera di maggio i giallorossi e tutti i loro tifosi videro sfumare ai calci di rigore la possibilità di vincere l’allora Coppa dei Campioni, proprio contro il Liverpool. E’ la storia di Mohamed Salah, ex attaccante della Roma esploso in Inghilterra quest’anno con 41 gol all’attivo e diventato una star assoluta, un top player. Ed è anche la storia di Francesco Totti che vivrà questo appuntamento da dirigente, ma che ha ovviamente chiaro in testa quello che la Roma dovrebbe fare sul campo.

Liverpool-Roma, probabili formazioni

Liverpool-Roma, a poche ore dalla semifinale di Champions League ecco le probabili formazioni delle due squadre. La Roma dovrebbe confermare il 3-4-1-2 che ha permesso l’impresa contro il Barcellona:  Alisson; Fazio, Manolas, Jesus; Florenzi, De Rossi, Strootman, Kolarov; Under, Nainggolan; Dzeko. Il Liverpool risponde col solito 4-3-3: Karius; Alexander-Arnold, Lovren, van Dijk, Robertson; Chamberlain, Henderson, Milner; Salah, Firmino, Mané.

Liverpool-Roma, Salah è una macchina da gol

Lo spauracchio per i tifosi romanisti si chiama Mohamed Salah. In 4 stagioni tra Premier League e Serie A aveva totalizzato 36 gol. Quest’anno, in una sola stagione con il Liverpool, ne ha realizzati già 41. L’egiziano è letteralmente esploso alla corte di Jurgen Klopp e a tratti appare davvero devastante e immarcabile. Ovviamente non è l’unico problema che la difesa di Di Francesco dovrà affrontare, ma riuscire a contenerlo impedendogli le sue tipiche ripartenze in velocità potrebbe essere giù un buon passo per giocarsi le chance di andare in Finale.

Liverpool-Roma, Totti: “La finale del 1984 evoca brutti ricordi”

Francesco Totti era solo un bambino, ma si ricorda bene della delusione del 1984 e per questo avrebbe preferito un altro tipo di sorteggio: “Ovviamente, se ripenso alla finale di Coppa dei Campioni nel 1984, è un brutto ricordo, quindi avremmo probabilmente evitato un simile sorteggio. Ma dovevamo scegliere una delle tre migliori squadre in Europa rimaste e ora giochiamo a Liverpool. Quando sento il nome Liverpool provo rispetto: è un grande club, una grande squadra, con grandi tifosi. Un modello da seguire”. Anche Totti poi si sofferma sulle prestazioni di Salah: “Negli ultimi giorni ho assistito alle loro partite di Champions League e penso davvero che sarà una partita difficile per entrambe le squadre. In una certa misura, mi sorprende che Salah abbia fatto così bene nella sua prima stagione a Liverpool. D’altra parte, se considero la qualità della squadra, l’allenatore che hanno, non mi sorprende: Klopp, per me, è uno dei migliori allenatori del mondo. Hanno messo Salah nelle condizioni di esprimersi al meglio”.

A cura di Francesco Baglio