CONDIVIDI
Berlusconi show
(TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Berlusconi show, Salvini non gradisce. Mattarella decide: ecco il nuovo governo entro pochi giorni. 

Secondo giro di consultazioni ieri da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il centrodestra si è presentato unito, ma all’uscita mentre Salvini leggeva un comunicato Berlusconi prendeva la scena con gesti plateali e prendeva poi il microfono per attaccare ancora una volta il Movimento Cinque Stelle. 

Leggi anche: Nuovo governo, consultazioni, ultime novità: ipotesi pre-incarico Salvini-Di Maio

Berlusconi show, Salvini non gradisce: ecco cosa è accaduto

Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni avevano concordato un comunicato univoco in cui si ribadiva la volontà del centrodestra di rimanere unito, ma si facevano anche importanti aperture al Movimento Cinque Stelle di Luigi Di Maio. Berlusconi, sul quale il leader pentastellato ha posto il veto, ha preso però la parola a fine comunicato e ha voluto ribadire che il Movimento Cinque Stelle non è davvero democratico. Un gesto che non è piaciuto affatto né alla Meloni né tanto meno a Salvini e alla Lega intera, un gesto che potrebbe far saltare l’accordo costruito pezzo per pezzo tra Lega e 5 Stelle.

Mattarella decide: ecco il nuovo governo Ipotesi Giorgetti della Lega

Dopo le consultazioni si è fatta insistente la voce secondo la quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella abbia chiarito a tutti di non avere più voglia di aspettare né di assistere a sterili giochetti e veti incrociati. La sensazione è che a giorni il presidente affiderà l’incarico per il nuovo governo. Uno dei nomi più caldi in tal senso è quello di Giancarlo Giorgetti, leghista da anni in Parlamento e al quale tutti riconoscono capacità e ruolo da mediatore tra forze diverse. Potrebbe essere proprio lui l’elemento che tiene insieme Lega e 5 Stelle. Rimane però il nodo Forza Italia che vorrebbe partecipare al governo, ma deve superare il veto di Di Maio. Le alternative a questo governo sono quelle note. Un mandato esplorativo ad una figura istituzionale che potrebbe essere il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, oppure un incarico ad una personalità extra politica, quello che  sarebbe un vero e proprio governo tecnico. Un’opzione quest’ultima invisa sia a Lega che a 5 Stelle e senza dubbio anche ai milioni di italiani che li hanno votati.

A cura di Francesco Baglio