CONDIVIDI

Meghan Markle e il principe Harry, prossimi a sposarsi, sono in realtà cugini come testimonia il genealogista Gary Boyd Roberts.

Sono belli, sono ricchi, sono famosi, sono innamorati, sono… cugini. L’attrice Meghan Markle e il principe Harry, secondo una ricerca condotta da genealogista Gary Boyd Roberts, sarebbero imparentati tra loro anche se alla lontana.

Meghan Markle e il principe Harry sono (lontani) parenti

Il genealogista della New England Historic Genealogical Society di Boston ha infatti scoperto che la Markle è una diretta discendente del re Edoardo III d’Inghilterra, che regnò dal 1327 al 1377, ed è quindi cugina di 17° grado del suo futuro sposo ed è ovviamente imparentata (anche se alla lontana) anche con la Regina Elisabetta e la Principessa Diana.

LEGGI ANCHE: Matrimonio Harry e Meghan Markle: ecco la location delle nozze

Il lignaggio è partito nel 1639, quando il reverendo William Skipper,  discendente reale, arrivò nel New England. Il reverendo era un antenato di Thomas Wayne Markle, il padre di Meghan.

La parte forse più curiosa di questa vicenda riguarda ciò che è successo tra gli antenati dei due futuri sposini. Già perché pare che il re Enrico VIII, antenato di Harry, abbia fatto decapitare Lord Hussey, antenato di Meghan. Non proprio una cosa da nulla, ma nel frattempo sono passati più di 500 anni e le due famiglie sono riuscite a dimenticare la cosa e a migliorare – di molto – i rapporti.

LEGGI ANCHE: Il principe Harry e Meghan Markle volano su aerei di linea e fanno vacanza low cost

Ma se da parte di papà la bella Meghan può vantare origini tanto nobili, è affascinante scoprire che la discendenza da parte di mamma affondi le radici in tutt’altro ambiente. Molti tra i membri della famiglia materna di Meghan Markle sono infatti ex schiavi che solo nel 1865 hanno riottenuto la libertà. E proprio per festeggiare l’abolizione della schiavitù il bis-bis-nonno di Meghan ha scelto un cognome particolarmente evocativo, come ha scritto Meghan in un saggio sulle sue origini etniche tre anni fa: “Forse la cosa che più mi connette al mio complesso albero genealogico, il mio desiderio di sapere da dove vengo, e la comunanza che mi collega alla mia linea di sangue, è la scelta che il mio trisavolo ha fatto di ricominciare tutto da capo. Ha scelto il cognome Freedom (libertà) e ha ridefinito la sua persona“.