CONDIVIDI

Matteo Salvini ha deciso che la Lega andrà da sola al Colle per le consultazioni del Presidente della Repubblica. Di Maio commenta sarcastico. 

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Alla fine Matteo Salvini ha deciso e la Lega si presenterà da sola al Quirinale per le consultazioni dalle quali dovrà uscire il nome del prossimo Presidente del Consiglio, sempre che si riescano a trovare i numeri necessari per formare un nuovo governo. 

Salvini ha deciso, la Lega da sola al Colle

Le dichiarazioni di Matteo Salvini sono inequivocabili, ma lasciano spazio comunque a futuri sviluppi: “Io al Colle vado da solo. Così ha scelto il centrodestra, per la prima volta va bene così…poi vediamo…Ma da solo Di Maio dove va…Voglio vederlo trovare 90 voti in giro, che dalla sera alla mattina si convincono. E poi 50 voti sono molti meno di 90”. In merito alle votazioni per gli uffici di presidenza del Senato, Salvini ha commentato così: “I Cinque Stelle puntano i piedi? E’ un dibattito che non mi appassiona…Noi andiamo avanti per la nostra strada con tranquillità e responsabilità: oggi al Senato, domani alla Camera, per far partire il Parlamento”. Il leader del Carroccio ne ha anche per il Pd: “Cinque anni fa si presero le due presidenze, noi non stiamo facendo lo stesso. Per questo ora non si possono imporre.”.

Di Maio replica a Salvini su Twitter e il Pd non ci sta

Il leader del Movimento Cinque Stelle Luigi Di Maio ha commentato le parole di Salvini con un messaggio affidato a Twitter: “Salvini dice che gli bastano 50 voti. Vuole fare il governo con i 50 voti del Pd di Renzi in accordo con Berlusconi? Auguri!”

Il Pd non ci sta. Graziano Del Rio uscendo dalla Camera ha commentato in modo laconico le parole di Salvini e di Di Maio che coinvolgono anche il Partito Democratico: “I voti del Pd non sono a disposizione. Decidiamo noi”.

A cura di Francesco Baglio