CONDIVIDI

Valeria, salva grazie alla donazione di midollo osseo di Fabrizio Frizzi: il ricordo del grande gesto.

Fabrizio Frizzi morto

Che Fabrizio Frizzi fosse un uomo gentile oltre che un uomo di televisione insuperabile è sempre più chiaro a tutti nelle ultime ore. Dopo la sua morte le dimostrazioni di affetto sono infinite e spunta anche una storia commovente. Fabrizio Frizzi donò il midollo osseo a una ragazza, Valeria, e le salvò la vita.

Se vuoi sapere tutto su cosa è successo a Fabrizio Frizzi, quando ci saranno i funerali e che malattia lo ha ucciso trovi tutto qui:

Fabrizio Frizzi donò il midollo osseo a Valeria Favorito

Nel 2000, 18 anni fa, Valeria era in condizioni gravissime a causa di una rara forma leucemia. La giovane, che all’epoca aveva dodici anni, nata ad Erice, ha ricominciato a vivere e sognare grazie al gesto di Fabrizio Frizzi. Stava cercando un donatore di midollo osseo dopo che le era stata diagnosticata una forma di leucemia mieloide acuta e alla fine era arrivato lui, Fabrizio Frizzi.

Il dottor Fabio Benedetti, primario del reparto di Trapianto del midollo del policlinico di Verona ha spiegato che quando Fabrizio Frizzi ha saputo del caso di Valeria ha voluto aiutarla rinunciando anche ai cinque giorni di ricovero e, in 48 ore, aveva donato il suo midollo a Valeria. Difficile non scoprire di chi fosse, nonostante la privacy e così Valeria un giorno, sempre secondo il racconto del dottor Fabio Benedetti, ha raggiunto Fabrizio Frizzi a bordo campo del Bentegodi, lo stadio di Verona, quando si stava svolgendo una partita del cuore. I due si sono ovviamente riconosciuti e si sono abbracciati lungamente tra le lacrime. Frizzi aveva veramente salvato la vita di Valeria.

Valeria: “Fabrizio era come un fratello maggiore”

Valeria e Fabrizio Frizzi non si sono mai persi di vista, in occasione dei 18 anni di lei, Fabrizio Frizzi è andato alla festa di Valeria in un locale del centro a festeggiare la sua sorellina, come la chiamava. Fabrizio, per Valeria, era come un fratello più grande e quel legame fu inestimabile. Valeria ancora alcuni giorni fa era andata a Roma per consegnare a Fabrizio il suo invito per le nozze e voleva che proprio lui fosse il suo testimone. Fabrizio Frizzi, come ha raccontato Valeria all’Ansa, le aveva risposto che avrebbe valutato le sue condizioni: “Se le forze me lo consentiranno ci sarò, oggi sto bene, domani non lo so”. Valeria ricorda così il suo salvatore e sottolinea come abbia perso un fratello, una persona che amava tantissimo.

S.Marvaldi