CONDIVIDI

La pizza margherita di Cracco, foto: la pizza margherita preparata dal ristorante milanese di Carlo Cracco, chef noto per Masterchef e non solo, ha scatenato una valanga di commenti negativi sui social network. Una margherita che si presenta in maniera molto diversa rispetto a quella a cui siamo abituati con costone evidente, mozzarella che sembra cruda e sugo non ben amalgamato con la farina.

La pizza margherita di Carlo Cracco

A insorgere sono stati soprattutto i napoletani, custodi di antichissime ricette che sono molto diverse da questa e che puntano più sul rendere tutto omogeneo e ben distribuito. In Galleria Vittorio Emanuele però c’è anche chi fa i complimenti allo chef per aver preso una decisione così rischiosa e cioè quella di tornare a utilizzare materie prima antiche.

L’impasto infatti è creato dalla combinazione della farina con i cereali che la rendono in questo formato evidente nella circonferenza e con un aspetto più croccante. Sicuramente ha scatenato molti commenti anche per il condimento che è sulla pizza e che risulta essere difficile da concepire per chi è abituato a mangiare una pizza normale come accaduto sempre nella storia di questo splendido piatto.

Si contesta anche il prezzo di sedici euro per la pizza di Carlo Cracco che più volte in passato ha sottolineato come andare nei suoi ristoranti è un’esperienza e non solo un pasto e soprattutto come è molto importante capire che una persona meno abbiente non ha di certo il problema principale di venire a mangiare da lui. Parole che ridimensionano la polemica.

Ora vedremo se Carlo Cracco esprimerà pareri su quanto fatto o se deciderà di andare avanti con le sue idee. Di certo c’è da sottolineare che il suo coraggio è stato davvero come al solito importante. Non ha voluto rischiare a prescindere, ma seguendo le sue idee di cucina che da sempre sono molto interessanti.