CONDIVIDI
mario balotelli lega
(VALERY HACHE/AFP/Getty Images)

Elezioni 2018: Mario Balotelli contro il senatore nero della Lega. La replica di Matteo Salvini e Toni Iwobi. Dibattito sui social network. Il leader della Lega non cede: vuole fare il presidente del Consiglio.

Si chiama Toni Iwobi, ha 62 anni e milita da oltre 20 anni nella Lega. Sarà lui il primo senatore di colore a insediarsi nei prossimi giorni a Palazzo Madama. A Spirano, vicino Bergamo, il paese di Iwobi, la Lega ha ottenuto il 35,5% alle Elezioni e lui, al terzo posto nel proporzionale in Lombardia 2, ha conquistato il suo scranno da senatore. Toni Iwobi è ben integrato nel partito di Salvini, tanto da esserne il responsabile immigrazione. Un’elezione, dunque, che arriva dopo un lungo percorso, ma che ha ovviamente suscitato un vespaio di polemiche. Per Salvini, l’elezione di Iwobi sta a significare che ‘il razzismo in Italia è solo a sinistra’, ma sui social network c’è chi la pensa molto diversamente. C’è chi commenta: “Non so chi sia Toni Iwobi, non lo conosco e non posso pronunciarmi. Ma so che Malcom X chiamava ‘Zio Tom’ i neri che si mettevano al servizio dei bianchi razzisti”.

Elezioni 2018: le parole di Mario Balotelli e la replica di Matteo Salvini e Toni Iwobi

In questa polemica, si inserisce l’attaccante del Nizza, Mario Balotelli, che più volte in passato è stato anche in campo oggetto di cori razzisti: “Forse sono cieco io o forse non gliel’hanno detto ancora che è nero. Ma vergogna”, ha scritto l’ex interista su Instagram. Una frase che non è passata inosservata e che gli è costata l’attacco diretto di Matteo Salvini: “Balotelli non mi piaceva in campo, mi piace ancor meno fuori dal campo”, ha replicato il leader della Lega, forse di uno straordinario risultato alle elezioni di domenica. Replica anche il diretto interessato, Toni Iwobi, intervistato da Radio Capital: “Balotelli? Preferisco ignorarlo, in questo momento. Non mi interessa quello che scrive, ne ho abbastanza delle polemiche: voglio pensare al mio territorio e al nuovo compito che mi hanno affidato. Lui è un grande giocatore e rimarrà tale, spero che si limiti a fare il suo bel lavoro, visto che è portato a farlo. Io ho due squadre del cuore: l’Atalanta e l’Inter. Se Balotelli giocasse nella mia squadra del cuore, certo tiferei per lui. Quando è andato al Milan ci sono rimasto male, visto che sono interista. La Lega razzista? Non lo è, lo dite voi”. Il post di Balotelli divide anche gli utenti Instagram: “Usa il cervello per una volta Mario, cosa vuol dire che Toni iwoby è nero?! Se uno è nero deve per forza essere a favore dell immigrazione fuori controllo?”, gli domanda un tifoso. Un altro si schiera con l’attaccante del Nizza: “Hai fatto benissimo a dire quelle cose, Salvini è solo un furbacchione che ha usato questo signor Iwobi per la propria propaganda personale, se ne accorgeranno presto chi è Salvini in realtà”.

Elezioni 2018: Matteo Salvini possibile presidente del Consiglio

Nel frattempo, Matteo Salvini, che i bookmaker ritengono sarà il prossimo premier, continua a lavorare nella speranza di riuscire a ottenere il mandato per la formazione del nuovo governo da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Già nella conferenza stampa di lunedì mattina, Matteo Salvini ha rivendicato in maniera chiara il suo punto di vista, spiegando che cercherà di fare il presidente del Consiglio di una coalizione di centrodestra. L’idea è quella di allargare l’alleanza, per sopperire a quei seggi mancanti per il raggiungimento della maggioranza nei due rami delle Camere. Nelle nuove dichiarazioni rilasciate ieri, il leader della Lega ha aspramente criticato Matteo Renzi, il segretario dimissionario del Pd, vero sconfitto di queste elezioni, definendolo “vittima della sua arroganza”. Nel dibattito interno al centrodestra, ieri ha preso poi parola Silvio Berlusconi, che ha rotto il silenzio per rivendicare: “Sarò il regista del centrodestra e il garante della compattezza della coalizione”.

A cura di Gabriele Mastroleo