CONDIVIDI

Dove andare a Pasquetta 2018? Gita fuori porta, breve viaggio in Europa o rimanere in città? Se siete a Milano ecco quali sono i parchi in cui passare lunedì 2 aprile, Pasquetta 2018. 

Pasquetta 2018 dove andare
(iStock)

Se abitate a Milano e volete comunque passare con la vostra famiglia la giornata di Pasquetta 2018 in mezzo alla natura senza rinunciare al classico pic-nic e magari facendo anche una comoda visita di carattere culturale potete rivolgere la vostra attenzione ad uno dei tanti parchi cittadini di Milano. Abbiamo selezionato per voi i migliori e i più adatti a questo scopo.

Pasquetta 2018, i parchi di Milano: Parco Sempione

Parco Sempione e Castello Sforzesco (iStock)

Parco Sempione  si trova tra il Castello Sforzesco e l’Arco della Pace ed è senza dubbio il parco più importante e più grande di Milano. Si tratta di un parco all’inglese costruito a fine ‘800 che offre tantissimi spazi verdi e possibilità di svago sia per adulti che per bambini. Dal punto di vista naturalistico ci sono alberi secolari che vi lasceranno senza fiato, percorsi botanici organizzati dalle Guardie Ecologiche Volontarie e prenotabili preventivamente e tantissime zone verdi in cui potrete trovare pace e relax. Per i bambini poi sono molte le aree gioco attrezzate e un vero e proprio parco giochi a loro dedicato. A pochi passi dal parco poi troverete oltre al Castello già citato anche il Palazzo dell’Arte, l’Acquario Civico,  la Torre del Parco, l’Arena Civica e la Triennale di Milano.

Pasquetta 2018, i parchi di Milano: Giardini civici Indro Montanelli

Giardini Montanelli (Websource)

Giardini civici Indro Montanelli si trovano a Porta Venezia e hanno il pregio di essere il primo parco cittadino costruito a Milano per lo svago della popolazione nel 1784. Il parco è alla francese ed è stato pensato e costruito seguendo i dettami illuministi che prevedevano la massima razionalizzazione dello spazio con grande attenzione dunque alla geometria delle aiuole e degli spazi verdi e alla prospettiva dei lunghi viali alberati. Al centro del parco trova posto un laghetto che attrarrà l’attenzione dei più piccoli per la presenza di simpatici animali palmipedi al suo interno. Sempre per i bambini segnaliamo la presenza di ben tre aree gioco e di un’area in cui trovano posto le giostre e il trenino. Nel parco trovano posto anche il seicentesco Palazzo Dugnani, il Planetario e il Museo Civico di Storia Naturale. 

Pasquetta 2018, i parchi di Milano: Boscoincittà

(Websource)

Nato nella zona est di Milano negli anni ’70 attorno all’antica cascina San Romano il Boscoincittà propone ampi spazi verdi, numerose e varie specie arboree. Si distingue però soprattutto per l’acqua, un elemento presente con i molti fontanili e ruscelli che concorrono a formare il grande lago centrale dotato di un pontile che permette una suggestiva passeggiata. All’interno del parco si trovano poi aree gioco per bambini, aree cani, possibilità di fare percorsi equestri e anche aree pic-nic attrezzate proprio a ridosso della quattrocentesca cascina.

Pasquetta 2018, i parchi di Milano: Giardino della Villa Belgiojoso Bonaparte

(Websource)

Si tratta del primo esempio di giardino all’inglese costruito a Milano. Al suo interno potrete trovare moltissimi spazi verdi aperti e altrettanti angoli nascosti e suggestivi, cascatelle, torrenti, ruscelli e un laghetto. Per i bambini c’è un’ampia area gioco attrezzata. Nel giardino si trovano alcuni edifici e musei visitabili: la Galleria d’Arte Moderna (ex Museo dell’Ottocento),  il Padiglione d’Arte Contemporanea (PAC) e alcune sculture degne di nota tra le quali vi segnaliamo “Il santo, il giovane, il saggio” di Adolf Wildt e “I sette savi” di Fausto Melotti. La sua posizione praticamente nel centro di Milano lo rendono uno dei luoghi più frequentati e ambiti.

Pasquetta 2018, i parchi di Milano: Parco Lambro

(Websource)

Per arrivare al Parco Lambro bisogna prendere l’auto, ma potrebbe davvero valerne la pena. Si tratta di un parco enorme di quasi 800mila metri quadrati che racchiude al suo interno ben cinque cascine storiche (Cascina San Gregorio Vecchio, Cascina Mulino Torrette, Cascina Cassinetta San Gregorio, Cascina Biblioteca e Cascina Mulino San Gregorio), due laghetti, numerosi corsi d’acqua e altrettante specie di alberi, piante e animali.

A cura di Francesco Baglio