CONDIVIDI
elezioni politiche sconti nave
(FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Elezioni politiche 2018: sconti per i viaggi in nave per andare a votare domenica 4 marzo. Sconti fino al 60% sul prezzo del biglietto.

In occasione del voto di domenica prossima, 4 marzo, quando gli elettori italiani saranno chiamati alle urne per le elezioni politiche, si potrà usufruire di agevolazioni, scegliendo di viaggiare in treno, nave o aereo. I cittadini del nostro Paese aventi diritto di voto sono 51,2 milioni, di cui 4,2 milioni sono gli italiani all’estero. Le urne saranno aperte soltanto domenica dalle 7 alle 23 e gli italiani si esprimeranno per la prima volta con la nuova legge elettorale, denominata Rosatellum bis, che prevede un sistema misto proporzionale e maggioritario. Per quanto riguarda gli sconti previsti sui biglietti dei trasporti marittimi, potranno usufruirne coloro che sceglieranno la Compagnia Italiana di Navigazione (che serve Sardegna, Sicilia e Tremiti) e la Caronte & Tourist Isole Minori (collega la Sicilia con le isole siciliane minori). Le riduzioni saranno del 60 per cento sulla tariffa ordinaria (prima e seconda classe). Chi è residente nelle isole e quindi ha già diritto a una riduzione potrà scegliere quella più conveniente tra la propria e quella elettorale. Per avere diritto allo sconto, bisognerà mostrare un documento d’identità insieme alla documentazione elettorale. All’andata, basterà una semplice autocertificazione, mentre al ritorno occorrerà la tessera elettorale con il timbro di avvenuta votazione.

Sconti su treni e aerei per votare alle elezioni politiche

Intanto, già nelle scorse ore lunghissime file si sono registrate nelle principali stazioni ferroviarie di Milano. Ciò avviene soprattutto perché per acquistare un biglietto è necessario rivolgersi direttamente agli addetti del personale in servizio presso le biglietterie e non è possibile acquistarlo presso gli sportelli automatici. Per chi sceglie Ntv, i biglietti dei treni Italo saranno scontati del 60 per cento. Gli sconti valgono per le tariffe Flex e Economy e le classi Smart e Comfort. I biglietti si possono acquistare entro il 4 marzo compreso e il viaggio di ritorno va effettuato entro il 13 marzo.

Trenitalia: sconti sui biglietti per andare a votare

Particolarmente vantaggiose sono le offerte di Trenitalia, che arriveranno fino al 70% di sconto sul prezzo del biglietto. Per usufruire degli sconti, bisognerà dunque rivolgersi presso uno dei centri abilitati muniti di documento di identità e tessera elettorale, o in alternativa di una dichiarazione sostitutiva. Al rientro dal proprio comune di residenza, occorrerà invece mostrare al controllare la tessera elettorale che attesti il voto. Se sprovvisto, l’elettore dovrà mostrare un’apposita dichiarazione rilasciata dal presidente del seggio elettorale. Il biglietto è utilizzabile non prima di dieci giorni dal voto e comunque entro dieci giorni dopo la consultazione elettorale. Lo sconto del 70% sulla tariffa base è valido per i treni a media-lunga percorrenza nazionale, vale a dire Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca, Intercity e IntercityNotte, questi ultimi comprensivi del servizio cuccette. Si può inoltre avere uno sconto del 60% sui biglietti per treni Regionali. Agevolazioni anche per chi dovrà rientrare dall’estero per esercitare il diritto al voto.

Gli sconti Alitalia per chi va a votare

Anche Alitalia vuole agevolare gli elettori che intendono esprimere il proprio voto, sebbene le offerte, che valgono solo per aerei nazionali e non si aggiungono a ulteriori sconti e promozioni, non siano ugualmente vantaggiose come quelle dei biglietti dei treni. Infatti, lo sconto massimo è di 40 € sul prezzo base dei biglietti di andata e ritorno. Vanno escluse da questa cifra le tasse solitamente previste. I biglietti possono essere acquistati via call center, al numero 892010, sul sito di Alitalia o nelle agenzie di viaggio. I tagliandi sono utilizzabili nel periodo compreso tra il 24 febbraio e il 10 marzo 2018. Al momento dell’imbarco per il viaggio di andata occorrerà presentare la scheda elettorale o in alternativa un’autocertificazione. Invece, al ritorno va presentata la tessera elettorale che attesti l’avvenuto esercizio del diritto di voto.

 

A cura di Gabriele Mastroleo