CONDIVIDI
terrorismo bruxelles
Polizia a Bruxelles (Screenshot video)

La polizia belga si è precipitata nella zona di Forest, a Bruxelles, perché in città si avevano notizie di un uomo armato. Si sospetta terrorismo. Gli agenti dicono che l’uomo potrebbe nascondersi all’interno di un edificio. Poliziotti ed elicotteri con uomini armati “specializzati” sono sul posto, nella parte occidentale della capitale belga. La polizia belga ha chiuso parte del sobborgo e immagini televisive in diretta mostrano ufficiali armati che si nascondono dietro gli edifici. La notizia, riportata dai media belgi, è stata ripresa dal sito di The Express e dagli altri media internazionali.

Bruxelles, il sindaco conferma la presenza dell’uomo armato

Il sindaco di Forest, Marc-Jean Ghyssels, ha confermato alla RTL che la polizia “sospetta la presenza di un uomo armato”. Un testimone ha riferito a RTBF che la polizia ha detto loro di non lasciare le loro case. Non è ancora chiaro se l’uomo armato sia da solo o con altre persone. L’edificio si trova in rue Jean-Baptise Vanpé, alla periferia di Bruxelles. Alcuni testimoni hanno detto che l’uomo urlava per strada ma questa notizia non è stata ancora confermata. Un portavoce della polizia di Bruxelles-Midi ha detto che gli agenti sono stati chiamati nell’area alle 13:00 ora locale. Un uomo di nazionalità polacca in stato di shock ha detto a un negoziante di aver visto un omicidio nella zona poco prima. Ma questa notizia non ha poi trovato – almeno al momento – nessun riscontro.

Ghyssels ha successivamente sostenuto che potrebbe trattarsi di una lite domestica e “non c’è nulla che indichi che ha a che fare con il terrorismo”. La zona in passato è stata teatro di una sparatoria tra la polizia e il sospetto terrorista dell’attacco di Parigi, Salah Abdeslam. Poco fa, una portavoce della polizia ha smentito i resoconti dei media che un terrorista armato si nascondeva nell’area. Ha confermato l’allarme lanciato dall’uomo polacco, ma ha aggiunto: “Stanno cercando negli edifici, ma possiamo dire che non ci sono stati attacchi terroristici”. A causa della paura terrorismo, 350 studenti di una scuola sono stati fatti uscire in anticipo, approfittando della pausa pranzo e nonostante il diniego del preside.

A cura di Gabriele Mastroleo