CONDIVIDI
(OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.0 è stata registrata dall’Ingv oggi alle 12.21 ora italiana davanti alle coste tirreniche della Calabria. L’epicentro è stato localizzato a 83 chilometri da Cosenza, praticamente di fronte alla località balneare di Scalea, uno dei posti più noti della Calabria Tirrenica. L’ipocentro, invece, è stato registrato a 297 km di profondità. Non si registrano danni a persone o cose. Vista la profondità, sembra che il sisma non sia stato percepito dalla popolazione locale.

Terremoto Tirreno: i movimenti tellurici nella zona

L’area del Tirreno Meridionale (CC-BY-SA-3.0)

Questi movimenti tellurici sono molto diffusi nell’area del Tirreno Meridionale. Si tratta di scosse che colpiscono il basso Tirreno e sono provocate dallo sprofondamento dell’antico oceano della Tetide sotto il mantello terrestre. In sostanza, spiegano gli esperti, è attivo nella zona un processo definito di “subduzione”. Vuol dire che un pezzo di litosfera, che comprende crosta e mantello, sprofonda in verticale nel mantello e genera terremoti a grande profondità. Nell’area si trova poi il vulcano Marsili. Lo scorso 21 gennaio, una di queste scosse si è verificata nel Golfo di Policastro, in Campania. L’epicentro invece si è verificato a circa 209 chilometri di profondità dalla superficie terrestre. La magnitudo, in quel caso, è stata 2.7.

Terremoto Tirreno: Una nuova scossa nei giorni scorsi in Calabria

(Pixabay)

Nei giorni scorsi, sempre in Calabria, si era registrata un’altra scossa. Stavolta però era avvenuta sulla terra ferma e aveva avuto magnitudo 3.7. Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 19 km di profondità ed epicentro 2 km a nord di Sant’Alessio in Aspromonte e 14 a nordest da Reggio Calabria. Per fortuna al momento non si segnalano danni a persone o cose.

A cura di Gabriele Mastroleo