CONDIVIDI

Sondaggi elettorali 2018

Sondaggi e proiezioni elettorali politiche 2018: dati aggiornati, crolla il Partito Democratico
Come temevano Matteo Renzi e i vertici del Partito Democratico gli ultimi sondaggi elettorali non sono stati per niente teneri con il partito dell’ex premier. In base ai risultati ottenuti dall’istituto di ricerca demoscopica Gpf Research il PD sarebbe addirittura al 20%, un dato più che allarmante considerando che mancano ormai poche settimane alle elezioni politiche e considerando che da più fonti interne al partito era stato detto che un risultato minimamente soddisfacente sarebbe stato considerato il 25%, la stessa percentuale raggiunta da Bersani alle ultime elezioni politiche.

Sondaggi elettorali 2018: M5S primo partito d’Italia

Il sondaggio è stato realizzato un mese fa, ma i dati sono stati resi noti solo poche ore fa. Il fatto che non sia recentissimo non è un punto a favore per il PD che nel frattempo potrebbe anche aver perso ulteriore terreno. Infatti per stessa ammissione di Renzi e di persone del suo entourage i gravi fatti di cronaca accaduti a Macerata e le seguenti discussioni che si sono scatenate in merito anche all’immigrazione clandestina hanno finito per favorire il centro destra e la Lega così come il Movimento Cinque Stelle.

Tornando ai sondaggi ecco quali sono le percentuali anche degli altri partiti. Il Movimento 5 Stelle sarebbe il primo partito italiano con quasi il 28%, la coalizione di centro destra avrebbe nel complesso il 37,4% dei voti così suddiviso: Forza Italia 15,3, Lega 11,7 e Fratelli d’Italia 5,1, Energie per l’Italia al al 2,4 e Noi con L’Italia all’1,9. Per quanto riguarda la sinistra da segnalare le buone proiezioni per Liberi e Uguali che viene dato al 7%.

Sondaggi elettorali politiche 2018: il gradimento dei leader, vince la Bonino

Per ciò che concerne il gradimento dei singoli leader politici stravince il confronto con gli altri Emma Bonino con il 39,3%. Seguita da Luigi Di Maio al 33,5% (nonostante i recenti scandali che hanno investito il suo partito e alcuni candidati), da Pietro Grasso al 30,5% e da Giorgia Meloni al 30,3%. Nelle stesse posizioni intorno al 30% ci sono anche Renzi e Salvini, mentre per trovare Berlusconi bisogna scendere in ottava posizione con il 28,8%.

F.B.