CONDIVIDI

Facebook nuovo algoritmo

Nuovo Algoritmo Facebook, consigli e soluzioni per restare virali.
Ci sono grandi novità all’orizzonte per quanto riguarda il mondo di Facebook. L’azienda di proprietà di Zuckeberg, l’11 gennaio 2018 ha annunciato un cambiamento radicale per quello che riguarda il Newsfeed. Le aziende, di conseguenza, dovranno adattarsi a questo nuovo format. Altrimenti, potrebbero essere destinate all’estinzione.
Innanzitutto, un’azienda che vuole ancora competere nel mondo social deve capire costa sta realmente succedendo: Facebook sta dando sempre più valore alle notizie di parenti e amici penalizzando i link pubblicati dalle pagine.

Evidentemente, la strada che aveva preso la sua creatura non era quella che si era prefissato il CEO e fondatore, Marck Zuckeberg. Infatti, i contenuti delle pagine avevano maggiormente risalto rispetto a quello che pubblicavano gli amici. Così, il signor Zuckeberg ha adottato, di punto in bianco, questa nuova strategia.
Il cambiamento avverrà in maniera molto veloce. Come? Ce lo spiega Shira Ovide di Bloomberg: “La Compagnia sta riprogrammando i suoi computer per dare priorità ai post in cui le persone si sentono costrette a interagire in modo ricco, scrivendo una lunga risposta a un membro della famiglia in lutto, per esempio, o a qualcuno che sta vivendo una rottura, o ancora la condivisione con gli amici di una strana notizia della TV locale”.
Da sempre Zuckeberg vuole favorire la connessione tra le persone. Gli aggiornamenti dell’algoritmo della sezione notizie attualmente in corso serviranno a eliminare alcuni tipi di contenuti di “scarsa qualità”, liberandoli da etichette come click-bait o engagement-baiting.

Non è proprio così cattiva l’idea di Facebook. I contenuti che vuole eliminare, infatti, stavano lentamente allontanando le persone da Facebook. Si parla quindi di un processo di migliorazione della piattaforma che potrebbe permettere agli stessi brand di continuare a sfruttarla a proprio vantaggio. I cambiamenti non sono sempre una cosa semplice da affrontate. Manteniamo la calma, però: bisogna solo sapersi evolvere. Di seguito, per esempio, c’è un elenco di strategie che ogni marchio dovrebbe adottare per sopravvivere.

Tieni d’occhio la ‘Community’:
Ormai l’abbiamo capito: i contenuti più valorizzati saranno quelli in grado di stimolare le interazioni di qualità tra persone. Per cui, per non veder penalizzati i propri post e anzi usare a proprio vantaggio il nuovo algoritmo, le aziende dovranno condividere il tipo di materiale che genera conversazioni tra gruppi e colleghi: persone, insomma.

La qualità è più importante della quantità:
Immaginate di tenere una conferenza con un pubblico numeroso. Più gli argomenti dell’oratore saranno interessanti, più le persone saranno stimolate a parlarne tra loro, a fare domande e a interagire. Ecco, è così che bisogna comportarsi su Facebook. Non quantità, ma qualità.

Investimenti sulle Sponsorizzazioni:
Facebook vuole che le aziende spendano. Pertanto, se un’azienda vuole arrivare ai propri potenziali clienti è bene che metta su una strategia marketing che prevede qualche euro di spesa per la sponsorizzazione del marchio. La pubblicità su Facebook può giovare molto, soprattutto se usata con una mano esperta.

Dateci dentro con i video Live:
I video hanno sempre avuto la meglio sulle foto in termini di visibilità. E’ lo stesso Zuckeberg ad affermarlo: “Abbiamo visto le persone interagire molto più sotto ai video live rispetto a quelli normali. Alcune notizie aiutano a iniziare le conversazioni su questioni importanti, ma troppo spesso oggi guardare video, leggere notizie o ottenere un aggiornamento su una pagina è solo un’esperienza passiva”. Se volete migliorare su Facebook, dateci dentro con le dirette!