CONDIVIDI
©TIZIANA FABI/AFP/GETTYIMAGES

Dicembre è iniziato facendoci pregustare un inverno gelido e pieno di neve. Ed ha continuato – seppur con qualche eccezionale giorno di caldo – ad essere freddo e tipicamente invernale. Anzi le temperature raggiunte in questi giorni sono perfino più basse della media della stagione. E visto che ormai mancano pochi giorni al Natale il sogno di molti è quello di vivere un Bianco Natale.

Insomma, una situazione idilliaca per tutti gli amanti dell’inverno e della neve. Ma purtroppo non è che un sogno. Già perché a quanto pare Natale sarà tutt’altro che Bianco e le temperature per i giorni di Natale saranno tutt’altro che invernali. Infatti la terza irruzione artica che è piombata sull’Italia in questi giorni e ci sta facendo battere i denti proseguirà non oltre il 22 dicembre. Dall’antivigilia l’anticiclone tornerà sul nostro Paese regalandoci clima mite e piuttosto soleggiato.

Va bene, direte voi, vorrà dire che avremo un inizio d’anno tutto bianco e freddo. Niente da fare neanche qui. Per gli esperti del meteo l’Alta Pressione non si ritirerà tanto facilmente e sarà presente a lungo. Quindi l’inverno è giunto al termine?

Previsioni vacanze di Natale e gennaio 2018: più caldo del previsto

L’inverno non è finito – anzi quello meteorologico deve ancora iniziare – e avremo ancora delle irruzioni artiche gelide, ma gennaio che dovrebbe essere uno dei mesi più freddi dell’anno al momento si presenta agli occhi degli esperti con tutte altre caratteristiche.  Ma andiamo con ordine.

Dal 22 dicembre l’aria fredda e i venti di Tramontana lasceranno l’Italia che sarà investita dall’Anticiclone che porterà tempo soleggiato e stabile al Centro e al Nord, mentre al Sud sarà più piovoso per via di una circolazione instabile che porterà anche qualche ondata di freddo.

Questa condizione dovrebbe restare immutata fino alla fine di dicembre. Con il nuovo anno arriverà il maltempo con pioggia in pianura e neve sui rilievi. Il termometro sarà mite con valori anche più alti della media del periodo. Una condizione che gli esperti definiscono più autunnale che invernale e che dovrebbe durare per almeno la prima quindicina di gennaio. Ulteriori previsioni sarebbero ora un azzardo, ma certo al momento non ci sono indicazioni che ci facciano sperare in nevicate in pianura durante queste vacanze natalizie.