CONDIVIDI

L’allerta meteo spaventa l’Italia e mette in grande difficoltà la Liguria. Ancora una volta a Genova c’è preoccupazione per la pioggia, con ricordi legati all’alluvione di qualche anno fa che mise in ginocchio un’intera città. Ora però è il momento di cercare di rimboccarsi le maniche e di evitare catastrofismi per non ritrovarsi ancora una volta in grandi problemi.

Esonda l’Entella, Chiavari in difficoltà

A Chiavari, nella provincia genovese, c’è stata l’esondazione del fiume Entella che da anche il nome alla squadra di calcio locale che milita in Serie B. Il fiume è uscito dagli argini e ha invaso le strade creando molti problemi e rendendo l’allerta davvero importante. E’ così che il Comune si è mosso per cercare di tenere al sicuro i suoi cittadini e per evitare che i problemi diventino ancora più grandi.

L’Entella è stato invaso dal Lavagna e dallo Sturla suoi affluenti ed è uscito dagli argini già nel pomeriggio. La situazione è diventata delicata con la pioggia che ha continuato a battere incessamente per oltre ventiquattro ore. Così il Comune ha dichiarato l’allarme e ha chiesto di evacuare le abitazioni poste ai piani bassi vicine alla foce e ha assolutamente vietato l’accesso a box e cantine per evitare ancora più problemi.

A La Spezia 32 famiglie sono state evacuate con l’innalzamento dei torrenti Vara e Magra. Di queste due stavano a Carro, 30 invece al primo piano di abitazioni del Magra a Ameglia, 30 sfollati a Cassana e San Rocco. Grande paura per una tromba d’aria su Genova con il vento che è arrivato addirittura a 165 chilometri orari, creando non pochi disagi anche alla viabilità e alla situazione legata all’abitabilità di alcuni edifici.