CONDIVIDI

Nicoletta Crisponi fonte facebook
Il giro del mondo
”. Il sogno di ogni viaggiatore è racchiuso in queste quattro parole: nonostante siano sempre di più coloro che riescono a tramutare questo progetto in realtà (chi lo fa in skateborad, chi a piedi o chi …con il pensiero rivolto alla mamma!) rappresentano comunque un numero veramente esiguo. Ecco perché quando qualcuno ci riesce diventa per certi versi un ‘eroe’ e la felicità viene in qualche modo condivisa anche tra coloro che vengono a conoscenza dell’impresa portata a termine.

Il giro del mondo in 365 giorni

L’ultima eroina balzata agli onori della cronaca è Nicoletta Crisponi, giovane trentenne che, dopo aver lasciato il suo lavoro a tempo indeterminato in un’agenzia di comunicazione a Milano, ha deciso di mettersi in viaggio, girare il mondo e raccontare il tutto nel suo blog. Il tutto in 365 giorni: l’obbiettivo della ragazza infatti è di visitare almeno 30 nazioni e di tornare in Italia in tempo per trascorrere il prossimo Natale con i suoi genitori.

Dopo cinque mesi la 30enne ha già collezionato un bel mucchio di paesi: India, Sri Lanka, Maldive, Nepal, Cina, Hong Kong, Giappone, Malesia, Filippine, Vietnam, Cambogia, Thailandia, Bali e Singapore.

Una passione che è cresciuta con Nicoletta: da quando a 17 anni, zaino in spalla, partì per la sua prima avventura, sola per le montagne del Trentino Alto Adige. Da quel momento trascorre ogni estate all’estero svolgendo lavori stagionali: ragazza alla pari, cameriera, consulente di comunicazione fino a ricercatrice e volontaria. Dopo una laurea in design d’arredo con un master in organizzazione di impresa e diverse esperienze di tirocinio (Bruxelles e New York) inizia a pianificare il suo sogno: dopo aver mollato il posto fisso, per sette mesi , pianifica, organizza, e progetta grazie anche ad una fitta rete social.

 “Il filo di Nicky” ed il giro del mondo in 365 giorni

Nasce “Il filo di Nicky“, un blog per raccontare i suoi spostamenti e condividere le sue esperienze, la pagina Facebook, il profilo Instagram e il canale YouTube. Proprio i social avrebbero giocato un ruolo determinate per la riuscita della sua impresa: sia per quello che concerne creare una rete di contatti e di appoggi, sia per rendere sempre più “virale” e seguita la sua storia.

 Il 27 dicembre 2016 vola alla volta dell’India per realizzare il suo sogno che tutt’ora la sta portando sempre più ad est. A spingerla in questa impresa è stata “La bellezza per la vita” – ha riferito in un’intervista ad un portale nazionale – Tante volte ci facciamo inghiottire in una routine che non ci appartiene, una zona di comfort dalla quale è difficile uscire ma proprio questo passo verso l’ignoto ci permette di ritrovarci, di metterci alla prova e conoscerci“. Chi  sarà il prossimo a seguire le sue orme?

di Lorenzo Ceccarelli