ViaggiNews

Lo stato regala 103 immobili lungo percorsi ciclopedonali agli under 40 per incentivare il “turismo lento”

giovedì, 11 maggio 2017

 

Trekking più belli al mondo- Getty Images


Il Demanio regalerà 103 immobili
lungo percorsi ciclopedonali agli under 40 per incentivare il “turismo lento”. Avete capito bene: nessuna pubblicità sbarazzina; non c’è trucco, non c’è inganno. Lo stato si appresta a lanciare la concessione gratuita correlata all’art bonus per il recupero di immobili lungo percorsi ciclopedonali al fine di incentivare la crescita del “turismo lento”
Si tratta di un’occasione veramente ghiotta che mira ad incentivare esponenzialmente un filone di turismo che negli ultimi anni ha dimostrato di avere ancora un forte potenziale inespresso; non solo: l’azione mira a creare nuove prospettive lavorative e rivitalizzare zone che attualmente si trovano fuori dai principali circuiti turistici.

IL PROGETTO

L’azione fa parte del progetto Valore Paese – Cammini e Percorsi, diretto a recuperare e a far rivivere oltre 100 immobili pubblici (43 gestiti dall’Agenzia del Demanio, 50 degli Enti territoriali e 10 di Anas): si tratta di masserie, vecchie case cantoniere, locande, ostelli, stazioni dismesse, ex edifici scolastici, torri, uffici postali che dovranno essere tramutati in strutture ricettive lungo tracciati dedicati alle due ruote o al trekking.

Il progetto, che fa parte del  Piano Strategico del Turismo e del Piano Straordinario della Mobilità turistica – prevede il coinvolgimento di operatori privati o imprese, cooperative e associazioni composte in prevalenza da giovani under 40 che mirano a donare ‘una nuova’ vita ad edifici che rappresentano oramai per lo stato un patrimonio perduto . Il grosso delle 103 strutture è situata lungo la Via Appia, la Via Francigena, il Cammino di Francesco, il Cammino di San Benedetto e le ciclovie Vento, Sole e Acqua (Acquedotto Pugliese).

 

COME FARE DOMANDA

Per partecipare al bando di appalto è prevista un gara pubblica indetta dal Demanio: gli immobili saranno infatti dati in concessione gratuita (9 + 9 anni) o in concessione di valorizzazione (fino a 50 anni) per essere trasformati in piccoli hotel, luoghi per attività ricreative, culturali e di formazione, botteghe artigianali ma anche spa o presidi medici.

La finalità della struttura deve essere volta alle esigenze dei potenziali turisti che transiteranno nella zona; al fine di incentivare il coinvolgimento al progetto e costruire bandi ad hoc, dal 9 maggio al 26 giugno sul sito agenziademanio.it sarà possibile partecipare a una consultazione pubblica in cui confluiranno i suggerimenti e le idee di tutti gli interessati. Il progetto si svilupperà in tre cicli: dopo il 2017, sarà replicato anche nel 2018 e nel 2019, sempre dando in concessione 100 immobili ogni anno.

Non è tutto: sono previsti anche l’assegnazione di fondi tramite il Mibact (3 milioni di euro) attraverso 4 bandi per fornire un tutoraggio alle start up che parteciperanno al progetto. Ci aspetta una nuova età dell’oro del turismo lento.

di Lorenzo Ceccarelli

Tags:

Altri Articoli Interessanti: