ViaggiNews

L’Aurora Boreale: dove, come e quando vederla –VIDEO

mercoledì, 22 marzo 2017

Aurora Boreale/fonte Youtube

Aurora Boreale/fonte Youtube

Il folklore scandinavo descrive le aurore boreali come gli spiriti delle donne nubili, per gli Inuit, il popolo dell’Artico, le luci sono le anime dei morti che tornano far visita ai loro cari, i Giapponesi infine credono che un figlio concepito sotto un cielo dove si staglia questo spettacolo della natura sia destinato ad una vita all’insegna della fortuna.

Nonostante la scienza abbia spiegato questo fenomeno in maniera un po’ meno romantica (per gli scienziati essi sono il risultato del vento solare, vale a dire un flusso di particelle provenienti dal sole che si scontra con gli atomi di ossigeno, idrogeno e azoto presenti nella parte alta dell’atmosfera), i fasci colorati che striano il cielo delle notti artiche hanno un fascino ed una magia che ha pochi eguali sul nostro pianeta.

Dove ammirare questo magico spettacolo della natura? Alaska, in particolare nei territori di Yukon, Anchorage e Fairbanks; nel Nord della Russia (il punto migliore è la Kola Peninsula in corrispondenza della città di Murmansk), in Islanda, in Scandinavia (in particolare sopra il Napapiri, a Tromsø, Alta, e nelle splendide Isole Lofoten, Svalbard e Finnmark), poi ancora Canada, Irlanda ed in Groenlandia (dove sono presenti per tutto l’anno).

Il periodo ideale va dalla fine di novembre alla fine di marzo ma l’intensità del fenomeno si può protrarre anche nei mesi estivi a seconda della frequenza delle tempeste solari (il 2016 è stato un anno record!).

Sul ‘come’ serve indubbiamente un pizzico di fortuna: si tratta di un evento impossibile da prevedere ma ci sono comunque strumenti ed applicazioni apposite che misurano l’attività solare e di conseguenza la possibilità di vederne una a breve.

Tendenzialmente il consiglio è quello di recarsi fuori città in luoghi dove l’inquinamento luminoso sia ridotto al minimo ma non è comunque raro avvistarne qualcuna anche dalla città. A renderle ancora più suggestive sono i suoni che a volte accompagnano questo spettacolo: talvolta, durante l’apparizione di un’aurora, si possono udire suoni che somigliano a sibili. Si tratta di suoni elettrofonici, un fenomeno che si può manifestare, sebbene molto più raramente, anche durante l’apparizione di bolidi, le stelle cadenti più luminose.Insomma, uno spettacolo da vedere almeno una volta nella vita. Non ci credete? Guardate il video che segue.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: