Esodo estate 2016: ecco quando NON partire

Traffico in autostrada (JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)
Traffico in autostrada (JEFF PACHOUD/AFP/Getty Images)

L’ultimo weekend di luglio ha coinciso con il primo grande esodo dell’estate 2016. Ma il grosso dei vacanzieri deve mettersi ancora in marcia per l’agognata meta. Aeroporti, stazioni e autostrade sono prese d’assalto in questi giorni. Se dovete prendere un volo considerate di arrivare con congruo anticipo: i controlli di sicurezza vista l’affluenza rischiano di portar via molto tempo.

E per chi parte in macchina? Come ogni anno Autostrade per l’Italia dirama il bollettino del traffico e segna con dei bollini (verde, giallo, rosso e nero) i giorni in cui prevede ci saranno più automobili in circolazione e di conseguenza maggiore traffico.

Se volete evitare di rimanere bloccati ora lungo un autostrada con il sole a picco che infuoca la vostra auto vi conviene evitare le date clou del traffico e non partire in queste date:

  • Sabato 6 agosto: bollino nero. Sarà in assoluto il giorno di maggior traffico di tutta l’estate. E anche durante la notte si prevede intenso traffico.
  • Domenica 7 agosto: bollino rosso dalle 6 alle 22.
  • Sabato 13 agosto: bollino rosso. Il weekend prima di ferragosto molto traffico sulle autostrade italiane.
  • Sabato 21 e domenica 22 agosto: bollino rosso. Inizia il grande rientro.
  • Sabato 27 e domenica 28 agosto: bollino rosso. Dovrebbe essere l’ultima giornata di traffico intensissimo dal rientro dalle vacanze.

I consigli di Autostrade per l’Italia sul sistema Tutor

 

Previous articleTerme estate 2016: ecco dove andare
Next articleLa Spiaggia dell’Angolo a Sperlonga
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.