Home Curiosità Paura all’Isola dei Famosi: Carta si sente male. Allarme a Cayo Paloma

Paura all’Isola dei Famosi: Carta si sente male. Allarme a Cayo Paloma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:00
CONDIVIDI

isola1

Paura all’Isola dei Famosi per un malore di Marco Carta. Dopo un mese dall’inizio dell’avventura a Cayo Paloma inizia a farsi sentire sul serio la fame, la stanchezza e la fatica.

Il cantante si è sentito male, accusando debolezza e giramenti di testa. L’ex allievo di Amici si è sdraiato a terra e a soccorrerlo è arrivato Gianluca Mech che ha provato ad aiutarlo sollevandogli le gambe. Ad aiutare Carta è arrivata anche la sua amica Alessia Reato. Dopo poco il giovane si è ripreso ed ha spiegato:  ”Praticamente mi sono alzato un pochettino troppo in fretta e ho avuto una sorta di mancamento . Oggi forse è il primo giorno di grande fame, di vera fame. Vorrei dieci granchi per me”.

Ed effettivamente è quello che poi è successo. Alessia Reato e Marco Carta hanno mangiato i granchi da soli. Un gesto che non è piaciuto al resto del gruppo: la fame è un problema di tutti e particolarmente inviperito dal gesto dei due è stato Jonas Berami che ha accusato i due di egoismo e rimproverandoli che avrebbero dovuto lasciare i granchi vivi fino al giorno successivo. Insomma, si annuncia una settimana scoppiettante e piena di polemiche a Cayo Paloma.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGermania, arriva la moneta da 5 euro
Articolo successivoSiete la coppia più bella? Viaggiate gratis
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.