Giappone, l’incredibile parcheggio sotterraneo delle bici – VIDEO

Eco Cycle @GettyImages
Eco Cycle @GettyImages

 

Dal Giappone arrivano spesso notizie su posti incredibili e su invenzioni assurde, ad esempio il ristorante gabinetto o la casa triangolare, ma il Giappone è anche uno dei pochi Paesi al mondo in cui natura e tecnologia vivono a braccetto (ecco alcuni dei posti più belli del mondo che si trovano proprio nel Sol Levante). L’Eco Cycle, ossia il bike parking sotterraneo, è uno di questi mirabolanti esempi. Si tratta di un parcheggio interrato per bici collegato alla metropolitana, automatico, sicuro, veloce e a basso impatto ambientale.

Nelle grandi città come Tokyo e Osaka la maggior parte degli abitanti (la Capitale conta oltre 13 milioni di cittadini) si muovono in metropolitana, ma per arrivare in stazione usano quasi tutti la bicicletta. E’ sorto quindi il problema di creare dei parcheggi per le bici nel ridottissimo spazio urbano a disposizione.

Alla società d’ingegneria Giken Seisakusho hanno pensato di utilizzare il sottosuolo ed hanno così realizzato per l’appunto, l’Eco Cycle un parcheggio sotterraneo per biciclette. Largo 7 metri, profondo 11, può contenere 144 due ruote ed è completamente automatizzato. Basta posizionare la bici sul binario davanti alla porta del parcheggio, premere un pulsante e la bici verrà risucchiata dal sottosuolo. Il tutto in appena 8 secondi.

 

Previous articleEletto il borgo più bello d’Italia 2015 – FOTO
Next articleLe offerte Tap Portugal per volare low cost in America
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.