Home Curiosità 39 motivi per cui l’Italia è il paese peggiore del mondo –...

39 motivi per cui l’Italia è il paese peggiore del mondo – FOTO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:18
CONDIVIDI
- Se vi dicono che l'Italia è bellissima, non credetegli - Lago di Como (Lombardia)
– Se vi dicono che l’Italia è bellissima, non credetegli –
Lago di Como (Lombardia)

L‘Italia è il Paese peggiore del mondo. Il più brutto. Affermazioni impossibile, vero? Ed infatti per quante critiche possiamo muovere alla nostra Penisola, per quanti aspetti negativi abbia, la sua bellezza paesaggistica ed architettonica non ha eguali al mondo. L’Italia è senza dubbio il Paese più bello del mondo.

E la pensa così anche il sito statunitense Buzzfeed, uno dei più letti dagli americani (200milioni di visitatori mensili), che ha pubblicato un articolo molto ironico, dal titolo ’39 reasons why Italy is actually the worst’, ossia ’39 ragioni per le quali l’Italia è realmente il peggior Paese’ e a corredo 39 foto meravigliose di luoghi, città, paesaggi, spiagge, montagne del Belpaese. Ogni immagine ha come didascalia una frase in cui si sottolinea un aspetto negativo, ma la discrepanza fra l’affermazione e la foto crea un effetto ironico e comico così forte da rafforzare il contrario di quanto affermato. Insomma, con un’impresa semiotica Buzzfeed ricorda a tutti gli americani quanto bello e straordinario sia il nostro Paese. E ce lo dovremmo ricordare più spesso anche noi.

Tutte le foto sono @GettyImages

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteHotel a 5 stelle low cost. Gli imperidibili saldi di lastminute.com
Articolo successivoEasyjet: malato di epilessia aggredisce la hostess per colpa di un panino
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.