Home Curiosità Come spende 100 dollari un senzatetto? Il risultato è sorprendente – VIDEO

Come spende 100 dollari un senzatetto? Il risultato è sorprendente – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:46
CONDIVIDI

senzatettoTempo di Natale, di vetrine illuminate, di regali e di pranzi faraonici. Ma non per tutti è così. Per chi vive ai bordi delle strade non c’è Natale, né Capodanno. Tutti i giorni sono uguali, tutti i giorni sono difficili, qualcuno – quelli delle feste, quelli in cui la salute non c’è, quelli in cui fa freddo – anche di più. Spesso non li vediamo i senzatetto, perché è più comodo, perché è più facile far finta di nulla che caricarsi addosso la responsabilità di avere tutto di fronte a chi non ha nulla. E poi ce la caviamo con ‘sono degli alcolisti, se gli dai dei soldi se li spendono in liquori’. E’ davvero così?

Un video sorprendente, che ha fatto il giro del mondo ed ha ottenuto 26 milioni di visualizzazioni su Youtube, girato da Josh Paler Lin, famoso blogger trentenne americano con oltre 700mila follower, ha voluto fare un esperimento. Ha regalato 100 dollari ad un senzatetto e lo ha poi seguito con una telecamera per vedere come avrebbe speso quei soldi. Ed ecco qualcosa che non ci aspettavamo. E ci insegna molto, moltissimo. Chi non ha nulla condivide con gli altri quello che ha. Chi può dire di fare altrettanto?

CONDIVIDI
Articolo precedenteCapodanno a Bologna all’insegna dell’elettronica. Tutti gli eventi in piazza
Articolo successivoAereo scomparso. Il mare restituisce i primi corpi/ LE IMMAGINI
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.