E’ morto Robin Williams

Robin Williams è il professor Keating in L'Attimo fuggente
Robin Williams è il professor Keating in L’Attimo fuggente

La notizia ha fatto in un attimo il giro del mondo creando incredulità e sconcerto. Molti hanno creduto che fosse una bufala gigante, di quelle che ogni tanto si inventano nei social. Invece è tremendamente vero: Robin Williams è morto. Il grande attore, aveva 63 anni, è stato trovato stanotte nella sua abitazione di Tiburon in California stroncato per asfissia e la polizia sospetta si tratti di suicidio. L’interprete di oltre 60 film, vincitore di un Oscar su quattro nomination, uno dei divi più apprezzati di Hollywood non ché uno degli attori più amati dal pubblico, oltre che per le sue capacità artistiche per quel suo sorriso dolce e gli occhi sempre vispi, soffriva del male oscuro, la depressione. Williams era stato il mese scorso in un centro di recupero per alcolizzati e stava seguendo un programma in 12 step, lo stesso che aveva già fatto nel 2006.

Stamane la polizia della contea di Marin terrà una conferenza stampa. Si attendono i risultati dell’autopsia per determinare con certezza la causa della morte, anche se la polizia non ha dubbi che si sia trattato di soffocamento. Quando gli agenti in seguito ad una chiamata sono arrivati nella villa di Tiburon l’attore non respirava già più ed hanno potuto soltanto constatarne il decesso.

“Ho perso mio marito e il mio miglior amico, mentre il mondo ha perso un grande attore – è il comunicato della moglie di Williams Susan Schneider che ieri notte ha sconvolto Hollywood – Ma vi prego di rispettare la nostra privacy e soprattutto di ricordare Robin per la sua brillante carriera e per il suo sorriso, non per il modo in cui è morto”.

Robin Williams cominciò la sua carriera lavorando a teatro e dedicandosi moltissimo all’improvvisazione teatrale. I suoi stand up sono ritenuti fra i migliori in assoluti mai fatti. Sul finire degli anni’70 arrivò la notorietà internazionale con il telfilm Mork e Mindy e il celebre ‘na-no na-no’ diventò un tormentone. E’ stato il protagonista di indimenticabili pellicole: dall’Attimo Fuggente a Good Morning Vietnam, da Jumanji a Will Hunting Genio Ribelle all’Uomo Bicentenario. Tantissimi i messaggi di cordoglio sui social. Il presidente statunitense Barack Obama ha scritto sul suo twitter: “Ci ha fatto ridere, ci ha fatto piangere, ha donato il suo incommensurabile talento a chi ne aveva più bisogno”.

Ciao Robin, ciao Capitano, mio Capitano!

Previous articleAustralia: grazie al “muro dei sussurri” si conversa a 140 metri di distanza
Next articleWeek end a Berlino, ecco le migliori offerte low cost
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.