Roma, apre il primo Bar del Tempo

anticafe

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vi avevamo parlato di quello di Londra, ora anche Roma ha il suo primo bar del tempo. Ovvero una caffetteria dove non si paga per ciò che si consuma, ma per il tempo che si sta dentro il locale. Tanto che ci si può portare anche dei cibi da casa o comprati altrove, oppure scegliere fra le 15 specialità di tè presenti, fra i muffin e i sandwiches del menù o addirittura non prendere assolutamente niente e utilizzare gratuitamente la wifi, il proiettore, il fax, la stampante, i libri, le riviste, tutto a libera disposizione dei clienti. Insomma, dalle 9 di mattina alle 23 di sera è il tempo che bisogna pagare, nient’altro. I prezzi sono: 4 euro la prima ora, 3 per la seconda, 14 per un giorno e 200 per un mese. Il bar del tempo della Capitale è l’AntiCafè e si trova nel quartiere San Giovanni in via Veio 4b. L’idea, sull’esempio di quello londinese, è nata a tre giovani imprenditori, due ucraini ed uno italiano, che prima di tentare la carta romana hanno aperto un bar del tempo a Parigi con risultati ottimi. Ed hanno pensato di replicare, facendo pagare il tempo anche nella Città Eterna.

 

 

 

 

 

Previous articleKruisherenhotel, ecco dove dormire in un ex monastero del XV secolo FOTO
Next articleGuida Bordeaux: tutto ciò che bisogna sapere sulla città francese
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.