Home Curiosità Ecco il rimedio naturale contro le zanzare

Ecco il rimedio naturale contro le zanzare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:32
CONDIVIDI

ZANZARE REPELLENTI TRAPPOLA NATURALE BOTTIGLIA / ROMA – Ci fa sospirare, ma un po’ alla volta l’estate sta finalmente arrivando. Intanto chi è già arrivato e si sta preparando alla guerra, è il solito acerrimo nemico delle notti d’estate, colui che ci rovina le serate in terrazzo, ci sveglia quando dormiamo e da un po’ di tempo si palesa anche di giorno tormentandoci, il nemico in questione è la zanzara. Contro questo ‘odioso’ insetto ci armiamo con spray, lozioni da spalmare sulla pelle, zampironi, piastrine elettriche, fili di rame da mettere nei sottovasi e via discorrendo. Ma c’è anche una soluzione più naturale e molto efficace contro la zanzara. Si tratta di una trappola fai da te: si taglia il collo di una bottiglia di plastica e lo si inserisce al contrario all’interno della stessa fermandolo con del nastro adesivo; la si riempie con dell’acqua calda, 1 cubetto di lievito di birra e due cucchiaini di zucchero; avvolgerla con un panno scuro e metterla in un angolo del terrazzo o del vostro giardino. La combinazione di lievito e zucchero sprigionerà anidride carbonica di cui le zanzare avvertono la presenza e se ne servono per identificare le prede. L’insetto entrerà quindi dentro la bottiglia, ma resterà bloccato all’interno. Forse l’idea della trappola è un po’ crudele, ma anche ritrovarsi pieni di ponfi pruriginosi non è affatto bello.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVacanze vip: Claudia Galanti incanta Ibiza
Articolo successivoGay Pride 2013: il 22 giugno a Palermo, il 15 a Roma
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.