Gli estremi del mondo: il luogo più caldo e più freddo

MONDO CITTA’ PIU’ FREDDA PIU’ CALDA RUSSIA ETIOPIA / ROMA – Il bello del mondo, e della vita, è che c’è tutto ed il suo contrario. Ci sono le vie di mezzo, i quasi, gli appena e gli estremi che corrono paralleli ma non si incontreranno mai. Ci sono i  ‘ti amo per sempre’ e gli addii definitivi, ci sono le giornate di sole e quelle in cui non smette un attimo di piovere. E nel mezzo di questi poli opposti ci sono migliaia di sfumature. Lo stesso vale per i luoghi. Posti che sono antitesi l’uno dell’altro. Puoi salire in cima al mondo e poi scendere nelle viscere della terra e puoi stare nel posto più freddo e poi in quello più caldo.

Quali sono queste antitesi? Eccole a voi:

TEMPERATURE – Il posto più freddo del mondo è la città di Oymyakon in Russia. Qui è stata registrata la temperatura più bassa mai raggiunta in nessun altro luogo sulla terra: -71 gradi. (Clicca qui per vedere il video di come vivono gli abitanti di questa città impervia). Il posto più caldo dell’intero pianeta è invece il deserto di Lut in Iran. Qui nel 2005 è stata registrata, tramite satellite, la temperatura più alta in assoluto: + 70 gradi. Un record che ha stracciato il precedente detenuto dalla Death Valley negli Stati Uniti di 58 gradi. Situazioni ovviamente inconciliabili con la vita. Più umane, e per questo è una zona visitabile, sono le temperature che si registrano nella zona di Dallol in Etiopia. La presenza del vulcano Dallol e di geyser rende questo luogo fra i più caldi del mondo con i suoi 40 gradi fissi.

 

Previous articlePrevisioni meteo 7-8 maggio: che tempo fa?
Next articleI migliori insulti di Gordon Ramsay – VIDEO
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.