Esodo estivo, le strade da bollino nero

Traffico! (Getty Images)

ESTATE 2012 ESODO MAPPA STRADE BOLLINO NERO / ROMA – Nonostante il calo di prenotazioni registrato da Federalberghi che ha lanciato l’allarme al governo per la crisi del settore turistico, sono tantissimi gli italiani che in questo primo weekend di agosto si metteranno in marcia per raggiungere le località di vacanza. Tra oggi e domani è atteso il grande esodo dell’estate con migliaia di automobili che percorreranno le strade e autostrade italiane.

BOLLINO NERO – Le maggiori concentrazioni di traffico si attendono per  sabato mattina, dalle ore 06:00 alle 14:00. Bollino rosso dalle 14:00  alle 22:00. Domenica bollino rosso dalle ore 06:00 alle 14:00.

Ricordiamo che il blocco alla circolazione dei tir è sabato dalle ore 00:00 alle 23:00 e domenica dalle ore 07:00 alle 24:00.

DIRETTRICI INTERESSATE  – Le autostrade maggiormente a rischio traffico sono: l’A1 (da Milano a Napoli), l’A14 Adriatica (da Bologna ad Ancona), l’A4 in direzione Venezia, l’A3 Napoli-Salerno, l’A30 Caserta -Salerno verso la Calabria. Inoltre traffico ai valichi di frontiera con Slovenia, Francia, Svizzera ed Austria, sia in uscita dall’Italia che in entrata.   Possibili rallentamenti anche alle barriere di Genova Ovest (A7), alle uscite di Civitavecchia (A12) e a Bari nord (A14) per la partenza dei traghetti.

INFORMAZIONI – Continui aggiornamenti sulla viabilità su RTL 102.5, Isoradio 103.3 FM e Onda Verde RAI. Oppure chiamando il Call Center Viabilita’ Autostrade 840-04.21.21 e il numero verde del CCISS 1518.

CONSIGLI – Ricordiamo di rispettare i limiti di velocità, di mantenere la distanza di sicurezza e di fare molte soste riposanti durante il percorso. Buon viaggio!

Previous articleTurismo arcobaleno: le destinazioni GLBT al mare in Italia
Next articleOlimpiadi 2012, ecco la classifica dei più belli
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.