News | La Brambilla contro il turismo sessuale e in favore dei disabili

NEWS ROMA MINISTRO BRAMBILLA TURISMO SESSUALE AIUTI DISABILI BARRIERE / ROMA – Il ministro del turismo Michela Vittoria Brambilla prende una posizione decisa contro due delle piaghe che affliggono la società contemporanea: il gravissimo reato del turismo sessuale e l’impossibilità per le  persone diversamente abili di scegliere liberamente un viaggio a causa della presenza di barriere architettoniche. Il ministro, in qualità di presidente dell’Organizzazione mondiale del turismo (Omt), l’agenzia dell’Onu che riunisce 154 Paesi e 400 organizzazioni, ha esposto a Budapest i suoi propositi su cui sta lavorando da circa un anno. All’intervento hanno presenziato anche il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani e il segretario generale dell’Omt Taleb Rifai. A proposito dell’accessibilità di ogni meta turistica anche ai disabili, il ministro ha parlato della nuova riforma del turismo che è stata varata la scorsa settimana e sembra promettere dei forti miglioramenti in tal senso. Tra tutte le novità spicca sicuramente il provvedimento secondo il quale deve essere ritenuto atto discriminatorio “impedire alle persone con disabilità motorie, sensoriali e intellettive – le parole del ministro riportate da Ansa.it – di fruire, in modo completo e in autonomia, dell’offerta turistica”.

Previous articleNews | Chiusa la Sala della Niobe degli Uffizi
Next articleEventi |Parigi, il Leviathan di Kapoor
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.