ViaggiNews

Montagne della Corsica: spettacolari percorsi per le escursioni

venerdì, 19 maggio 2017

montagne della corsica

Aiguilles de Bavella, Corsica (Gind2005, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Vi portiamo alla scoperta delle montagne della Corsica e dei loro suggestivi percorsi escursionistici. Quando si pensa a questa bellissima isola del Mediterraneo vicina alla Sardegna, quello che viene subito in mene è il mare. La Corsica, però, offre uno spettacolare territorio di montagna, con vette alte oltre i 2mila metri. Del resto già dalle bellissime spiagge dell’isola, incastonate in suggestive calette, si può ammirare l’imponente territorio montuoso della Corsica. Le alte falesie a picco sul mare, i Calanchi di Piana, le penisole e i promontori rocciosi, a ragione qualcuno ha definito la Corsica una montagna che si tuffa nel mare. Al di là delle spiagge, delle baie, delle città rivierasche e dei borghi marinari scopriamo insieme le montagne delle Corsica e i loro itinerari escursionistici. Meraviglie che vi lasceranno senza fiato.

Montagne della Corsica: un paradiso per le escursioni

Per scoprire paesaggi di montagna spettacolari, che in inverno si ricoprono di neve, non c’è bisogno di andare sulle Alpi. Anche in Corsica trovate un paesaggio di vette maestose, rocce dalla conformazione particolare, boschi, torrenti e laghi. Uno scenario che vi sorprenderà, da percorrere a piedi, con itinerari di trekking dedicati, o in sella alla moutain bike. Dopo le escursioni in barca, alla scoperta dello stupefacente mare della Corsica, vi proponiamo quelle da fare in montagna, altrettanto belle. Dalle montagne della Corsica si ammirano vedute spettacolari, che spaziano fino al mare. Paesaggi che non si dimenticano facilmente.

Monte Cinto e i villaggi di Calacuccia e Lozzi (Maxim Massalitin, CC BY-SA 2.0, Wikicommons)

Il punto più alto della Corsica è Monte Cinto, a 2706 metri sul mare, nella parte nord.ovest dell’isola. Dalla sommità della montagna si ammira una vista che oltre a comprendere le vette circostanti, come quella del monte Padru, arriva a nord fino al Golfo di Calvi, a Isola Rossa, alla costa di Capo Corso, il “dito” della Corsica, fino all’isola d’Elba. Più a sud, invece, si può ammirare della vetta della montagna il Golfo di Porto, quello di Sagone e il golfo di Ajaccio, già fino alle montagne della Sardegna. Un vero spettacolo, alla portata di tutti. La salita al Monte Cinto, infatti, può essere effettuata con una semplice escursione, non richiede una scalata complessa. Il percorso escursionistico più frequentato è quello sulla parete sud della montagna, con diversi itinerari che partono dal villaggio di Lozzi, vicino Calacuccia. Un altro percorso è quello da nord, dal villaggio di Asco.

Il panorama da Bocca di Guagnerola, a sud-ovest di Monte Cinto

Un’altra bellissima escursione, assolutamente imperdibile è quella sulla penisola di Capo Corso, il famoso “dito” della Corsica, che si protende nel Mar Ligure, e ha un territorio aspro e montuoso. La penisola è lunga 40 km e larga 10-15 km, attraversata da nord a sud dalla catena montuosa la Serra, che parte dalla Serra di Pignu (960 metri sul mare), a nord, fino al monte U Castellu (540 m), a sud. La vetta più elevata è Cima di e Follicie (1322 m), l’altra montagna sopra i mille metri è il Monte Stello (1.307). Percorrere Capo Corso vi porterà alla scoperta di un territorio aspro e selvaggio, dove sorgono piccoli borghi, quasi spopolati, abbarbicati sulla montagna. Già dalla montagna, la costa è molto frastagliata e scoscesa, con poche e piccole spiagge che si affacciano su baie e calette. Sul litorale svettano torri di avvistamento genovesi, costruite contro gli attacchi dei pirati saraceni. Dai rilievi montuosi di Capo Corso, nell’interno e sulla costa, si ammira un panorama eccezionale sull’Isola d’Elba e su Capraia. Nelle giornate limpide la vista spazia fino a litorale della Toscane e altre isole dell’Arcipelago Toscano, e fino alla Liguria.

Monte Renoso e Lac de Bastani (Olivier-C., CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Più a sud, nel cuore dell’Isola e nell’entroterra di Ajaccio è da visitare il massiccio del Monte Renoso (2.352 m). Sotto alla montagna si trovano diversi laghi, il più importante e suggestivo è il Lago di Bastani. La zona offre un fitto percorso di sentieri, prevalentemente sassosi, quindi per camminare da queste parti bisogna essere allenati. Il Monte Renoso è compreso nei comuni di Bastelica, Bocognano e Ghisoni.

Ancora più sud, sulla dorsale interna della Corsica troviamo le stupende Cime di Bavella, Aiguilles de Bavella, un piccolo ma suggestivo massiccio di granito con rocce dalla conformazione particolare e vette a forma di guglie. La cima più alta è il Monte Incudine (2134 m), le altre montagne superano i 1.500 fino a oltre i 1.800.

Queste zone potete visitarle tutte percorrendo il sentiero GR 20, il Sentier de la grande randonnée 20, chiamato in corso “Fra li monti“, che attraversa tutta la dorsale della Corsica da nord-ovest a sud-est. Questo percorso escursionistico fa parte della Grande Randonnée, una rete di sentieri di trekking a lunga distanza diffusa in Francia, Belgio, Paesi Bassi e Spagna. I sentieri sono contrassegnati da un segnale distintivo, formato da due strisce sovrapposte, una bianca sopra e una rossa sotto. Il sentiero GR20 è statio definito uno dei percorsi più belli al mondo, ma anche il più difficile d’Europa.

VIDEO: montagne della Corsica

Tags:

Altri Articoli Interessanti: