ViaggiNews

Il vulcano più pericoloso d’Europa si trova in Italia. Ecco dove

mercoledì, 5 ottobre 2016

Istock by Getty Images

Istock by Getty Images

Si sa che in Italia non si può mai stare tranquilli, essendo un territorio sismico. Purtroppo l’ultima testimonianza di quanto la terra possa fare paura è avvenuta il 23 agosto con il terremoto ad Amatrice. Nella nostra Penisola ci sono però anche alcuni vulcani come l’Etna in Sicilia e il Vesuvio a Napoli, che sono entrambi attivi. Pensate però che nonostante siano molto conosciuti, in realtà non sono quelli più pericolosi. Esiste infatti un vulcano che è stato identificato come il più pericoloso d’Europa e si trova proprio in Italia.

Il vulcano più pericoloso d’Europa è vicino a noi

Si tratta infatti dei Campi Flegrei a Napoli: esplorato per la prima volta grazie ad una perforazione di 500 metri, si è scoperto che la caldera, ovvero da dove esce la lava, si estende da Monte di Procida a Posillipo. Questo supervulcano più essere capace di eruzioni molto violente, anche se per fortuna molto rare.

Al mondo esistono dieci tipi di vulcano di questo tipo, come ad esempio Yellowstone e Long Valley Caldera negli Stati Uniti. Dal 2012 è stata appunto avviata una perforazione nell’ambito del progetto  ‘Campi Flegrei Deep Drilling Project’, guidato dall’Ingv – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – e finanziato dal Consorzio internazionale per le perforazioni profonde continentali.

Il progetto prevede il pozzo già realizzato e un altro di quasi 4 chilometri da realizzare. Nel pozzo a 500 metri sono stati installati dei sensori che monitorano il vulcano, in modo da tenerne sotto controllo l’attività per cercare di prevenire il rischio. I segnali di allarme che possono preannunciare un’eruzione sono temperatura, pressione del sottosuolo e sismicità.

Il pozzo ha permesso di scoprire inoltre che 45mila anni fa è avvenuta un’esplosione sconosciuta; davvero un’attività molto interessante, anche perché Pompei ce la ricordiamo tutti e non è proprio il caso di riviverla ai giorni nostri.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: