ViaggiNews

Vi piace viaggiare? Ecco spiegato il motivo

mercoledì, 13 luglio 2016

(Thinkstock)

(Thinkstock)

Non vedete l’ora di partire per il vostro prossimo viaggio? Adorate viaggiare? Quando c’è da indicare hobby e passioni non avete dubbi e scrivete ‘viaggiare’? C’è una ragione scientifica perché vi piace farlo e l’hanno scoperta alcuni ricercatori statunitensi impegnati a comprendere la complessa psicologia umana.

Vi avevamo parlato della ragione scientifica del perché piace il mare e anche della sindrome di wanderlust, la sconfinata passione per i viaggi che appena tornate da un viaggio siete pronti a programmarne un altro (qui i 10 sintomi per capire se ne soffrite). Ma in generale chi ama viaggiare lo fa per un motivo semplice, ma fondamentale: rende felici.

Gli scienziati hanno osservato come durante un viaggio, a partire dalla sua pianificazione e per tutto il tempo dell’attesa della partenza, aumentino i cosiddetti ormoni della felicità. Ossia il viaggio rilascia una scarica di endorfine e si è notato che si innalzano i livelli di serotonina e dopamina.

Perché ci piace viaggiare?

Ma perché questo accade? Allontanandoci dalla quotidianità, dalla routine, dal lavoro, dai problemi quotidiani, diminuiscono lo stress e le preoccupazioni e aumenta il senso di libertà e appagamento. Viene stimolata la curiosità e la creatività, ci si pone in una maniera di apertura ed accoglienza verso l’ignoto e lo sconosciuto, si abbassano quindi le difese e aumenta il rilassamento.  Inoltre viaggiare allarga la mente, fa comprendere le diversità e fa minimizzare i problemi quotidiani. Insomma, viaggiare fa bene al corpo e alla mente. E bisognerebbe farlo più spesso possibile.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: