ViaggiNews

La missione di salvataggio più complicata del mondo: ricercatore in pericolo di vita

sabato, 18 giugno 2016

View of the Brazilian Comandante Ferraz Antarctic Station seen from the Brazilian Navy's Oceanographic Ship Ary Rongel on March 7, 2014.     AFP PHOTO /VANDERLEI ALMEIDA        (Photo credit should read VANDERLEI ALMEIDA/AFP/Getty Images)

(Getty Images)

Se ci sentiamo male in uno qualsiasi dei paesi Europei l’arrivo di un’ambulanza e il successivo eventuale trasporto in ospedale non sono così impegnativi, anche se vi trovate in un paesino “lontano”. Situazione completamente diversa in Antartide dove un ricercatore della base americana di Amundsen-Scott South Pole si è sentito male e le sue condizioni richiedono un immediato ricovero, ma volare in pieno in inverno in Antartide è molto rischioso.

Due aerei bimotore Twin Otter sono decollati dal Canada per cercare di recuperare l’uomo e questa si tratta della terza missione di salvataggion nell’inverno australe: le due precedenti risalgono al 2001 e al 2003, ma nessuna è stata affrontata in questo periodo dell’anno dove le temperature possono raggiungere i -80 gradi. Gli aerei dovrebbero arrivare a destinazione il 19 giugno se le condizioni meteo lo permetteranno. L’atterraggio poi sarà molto complicato perchè la stazione non ha asfalto e tutto avverrà al buio sulla neve compatta, in questo periodo dell’anno infatti non sono previsti voli in arrivo o uscita dalla base antartica.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: