ViaggiNews

La domanda a cui Siri non sa rispondere. Il “bug” mondiale nel sistema

venerdì, 18 marzo 2016

LONDON, ENGLAND - OCTOBER 14:  A man uses 'Siri' on the new iPhone 4S after being one of the first customers in the Apple store in Covent Garden on October 14, 2011 in London, England. The widely anticipated new mobile phone from Apple has seen customers queue in cities around the world for hours to be amongst the first to buy the device.    (Photo by Oli Scarff/Getty Images)

(Photo by Oli Scarff/Getty Images)

C’è una domanda a cui Siri, l’assistente vocale dell’iPhone, non è in grado di rispondere. Ma non solo lei, anche Cortana di Microsoft, Google Now, S Voice di Samsung, ad una richiesta di aiuto tipo “Sono stata violentata“, oppure “Mio marito mi picchia“, la risposta sarà “Non sono sicura di aver capito”, “Posso cercare sul web sono stata violentata”.

Ora, l’obiezione è: una donna vittima di violenza difficilmente magari penserà di chiedere aiuto a Siri o agli assistenti vocali del telefono, ma l’evoluzione e i cambiamenti sociali sono sempre costanti e non si sa cosa possa succedere in futuro. Una ricerca pubblicata sulla JAMA Internal Medicine, prestigiosa rivista di medicina, ha visto gli scienziati di Standford University of California testare la capacità di Siri davanti ad un’emergenza..

Nessuno degli assistenti vocali è così in grado di rispondere in modo adeguato davanti ad una reale richiesta di aiuto, del resto, come specificano gli studiosi, i nostri smartphone non sono degli psicologi o dei consiglieri eppure ci si aspetta che riconoscano la parola “violentata” e sappiano dare un aiuto.

Google Now e Siri rinviano alla linea di soccorso per la prevenzione dei suicidi quando si sentono frasi come “voglio suicidarmi”. Le risposte però, analizzate nel complesso, sono ancora inadeguate ed incomplete anche perchè le vittime di violenza potrebbero sentirsi meno imbarazzate nel porre il proprio problema ad una voce meccanica.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: