ViaggiNews

Vacanze ghiacciate! Dormire in un igloo in Alto Adige

giovedì, 3 dicembre 2015

Iglu ©ErwinReiter - bassa

Una notte in un igloo. Un “giaciglio” fuori dagli schemi. Senza andare fino in Groenlandia. L’igloo è a 2000 metri di altezza, sulle belle montagne dell’Alto Adige, nei pressi dell’incantevole paesino di Campo Tures. L’idea di un pernottamento nell’igloo viene dall’hotel Drumlerhof, un accogliente albergo situato nel centro storico e pedonale di Campo Tures, che ha voluto preparare per i propri ospiti la sorpresa di passare una notte nell’igloo. L’avventura è indimenticabile. Si trascorre la notte in un igloo a 2000 metri d’altezza, in mezzo a un paesaggio incantato completamente bianco, una vera poesia da vivere e da provare.

Per chi ha voglia di sperimentare una notte nel ghiaccio, con questo pernottamento originale e al tempo stesso confortevole (i sacchi a pelo sono caldissimi e comodi), il programma di viaggio per gli aspiranti Esquimesi prevede l’accompagnamento con la guida all’igloo: si prende l’ultima funivia per Speikboden che porta gli ospiti a 2000 metri, dopo circa 40 minuti di piacevole camminata sulla neve, si raggiunge l’igloo e si “famigliarizza” con le mattonelle di ghiaccio, una diversa dall’altra, incastrate con maestria per costruire questo romantico, intimo, rifugio.

La guida accompagna poi gli ospiti in un tipico rifugio alpino, a dieci minuti dall’igloo, dove li attende una gustosa cena tradizionale con i piatti locali, e, dopo cena, li “scorta” di nuovo alla loro stanza di ghiaccio. La mattina ci si sveglia nel silenzio dell’atmosfera ovattata e magica; una ricca colazione è pronta per gli ospiti al rifugio. Riprendendo la funivia (ma gli sciatori possono anche scendere con gli sci ai piedi fino a valle in quanto la pista è vicina all’igloo), si ritorna in hotel, dove si può decidere se lasciarsi coccolare nella spa oppure mettersi gli sci o le ciaspole e tornare nel paesaggio innevato.

Il pacchetto di 6 notti comprende in mezza pensione, oltre alla notte nell’igloo, l’utilizzo della piscina e spa dell’hotel, un corso di perfezionamento tecnico gratuito sugli sci, un’uscita di prova gratuita con gli sci di fondo, un’escursione alla Sellaronda con un maestro di sci (skipass non è incluso), un’escursione sci-alpinistica guidata su una delle numerose cime adiacenti (contributo spese Euro 35), varie escursioni guidate gratuite con le ciaspole (Noleggio delle ciaspole Euro 10,00) e la speciale, ottima cucina dell’hotel, con piatti anche senza glutine.

Tags:

Altri Articoli Interessanti: