ViaggiNews

Fuga dalla città: weekend di gusto e relax nelle Langhe

martedì, 15 settembre 2015

Langhe (Thinkstock)

Langhe (Thinkstock)

ViaggiNews vi porta alla scoperta di una terra ricca di bellezze e prelibatezze enogastronomiche per un weekend di gusto e relax, in fuga dalla città, dal traffico, dallo stress e soprattutto per ricaricarsi dopo una settimana di lavoro.

Meta ideale per chi abita al Nord Italia, pensiamo soprattutto a quanti lavorano a Milano o dintorni, alle prese tutti i giorni con lo stress del traffico e degli spostamenti da casa al lavoro, le Langhe piemontesi sono un oasi di pace, bellezza, serenità… e golosità!

Le Langhe sono quella zona caratteristica del Piemonte, situata tra le province di Asti e Cuneo, formata da dolci colline e pittoreschi vigneti. Sono le terre del famoso vino rosso Barolo e di altri vini pregiati, dal Dolcetto al Barbera.

I pittoreschi vigneti che ne disegnano il paesaggio sembrano usciti da un quadro dell’Ottocento e donano subito ai visitatori un senso di pace, serenità e di genuino senso di appartenenza alla terra. Qui si può dimenticare tutto lo stress e la stanchezza di una settimana di lavoro, per ritemprarsi tra le armonie della natura e le bontà della cucina locale.

A passeggio per le colline, in visita ai paesini dai centri storici intatti, ai vigneti e alle cantine, passando per le osterie e i ristoranti tipici e dormendo in agriturismi e bed & breakfast immersi nella campagna, le Langhe offrono ai visitatori un soggiorno rigenerante.

Del resto se il Paesaggio vitivinicolo delle Langhe, insieme alle vicine regioni del Roero e del Monferrato, è stato dichiarato nel 2014 Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO un motivo ci sarà.

Lasciatevi guidare alla scoperta di questo affascinante territorio, ricco di tradizioni e meta sempre più amata dai turisti, anche stranieri.

Colline delle Langhe in autunno (Foto di Massimo Telò. Licenza CC BY-SA 4.0 via Wikimedia) Commons

Colline delle Langhe in autunno (Foto di Massimo Telò. Licenza CC BY-SA 4.0 via Wikimedia) Commons

Il territorio

Le Langhe, dal piemontese langa che significa collina, è un ampio territorio compreso tra le province piemontesi di Asti e Cuneo, formato da colline e delimitato dai fiumi Tanaro, Belbo, Bormida di Millesimo e Bormida di Spigno. Il territorio si può dividere in tre zone:

Bassa Langa: compresa fra il Tanaro a nord e il Belbo a sud; è la zona di Alba, capitale delle Langhe, dei vini e del famoso tartufo bianco.

Alta Langa: al confine con la Liguria, caratterizzata dai boschi e dalla coltivazione delle nocciole, in particolare la qualità pregiata “tonda gentile delle langhe”. Non per niente la Nutella è nata da queste parti.
Langa Astigiana. la zona a sud della provincia di Asti, delimitata da Canelli a nord e dall fiume Bormida di Spigno ad est.

Cosa vedere

Oltre al territorio, meritano una visita la città di Alba e i borghi di Barolo, Belvedere Langhe, Bubbio, Diano d’Alba, con il suo punto di osservazione panoramico, Grinzane Cavour, La Morra, Monastero Bormida, Neive, Prunetto, Serralunga d’Alba.

Langhe, paesaggio (Thinkstock)

Langhe, paesaggio (Thinkstock)

I vitigni del territorio, dall’Alta Langa Doc, al Brachetto d’Aqui, passando per il Barolo, il Barbera e il Dolcetto. Le info sui vini e i vitigni su Langhe.net a questa pagina.

Le cantine, dove scoprire la tradizione e la cultura del vino. Informazioni a questa pagina.

I monumenti, le chiese, i castelli e gli itinerari: qui.

Cosa fare

Gli eventi enogastronomici: qui.

Escursioni e passeggiate. Informazioni a questa pagina.

Corsi di cucina, aperitivi panoramici, cene in cantina: qui.

Mangiare e dormire

Alberghi, agriturismi e ristoranti dal sito web langhe.net: a questa pagina.

Bed and Breakfast delle Langhe qui e qui.

Ristoranti delle Langhe: qui.

Per informazioni

– Turismo in Langhe e Roero: www.langheroero.it

– Langhe.Net: langhe.net

– Castelli delle Langhe e del Roero: www.castellilangheroero.it

– Strada Romantica delle Langhe e del Roero: www.stradaromantica.com

– Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo: www.langabarolo.it

Tags:

Altri Articoli Interessanti: